Aspirina: aumenta la sopravviven…

L'assunzione di basse dos…

Malattie neurodegenerative: trat…

Una speranza per contrast…

Arriva Tapentadolo, nuova fronti…

Il dolore cronico non o…

Spermatozoi ottenuti da cellule …

Tramite un procedimento c…

Distrofia di Duchenne: anche un …

[caption id="attachment_1…

La leptina, ormone che inibisce …

I risultati portano a ipo…

Tessuto renale da cellule stamin…

I reni hanno una struttur…

Diabete: scoperto interruttore m…

[caption id="attachment_8…

Parto in acqua: secondo esperti …

C'è chi lo definisce il m…

Crisi epilettiche: la proteina c…

La putrescina prodotta a …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tracce di RNA virale nei pazienti curati lascerebbe attiva la possibilità di contagio

Il virus dell’epatite C (Hcv) potrebbe essere contagioso anche dopo che i pazienti colpiti dall’infezione rispondono bene alla terapia antivirale.


Almeno secondo quanto emerso da uno studio del National Institutes of Health di Bethesda (Usa), pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Milioni di persone nel mondo vengono infettate con il virus dell’epatite C. Se non curata, l’infezione puo’ portare a gravi complicazioni, come la cirrosi epatica e cancro. HCVMolti pazienti con infezione rispondono bene alla terapia anti-virale e risultano liberi dal virus.
Tuttavia, tracce di Hcv-Rna sono state sporadicamente rilevate in questi pazienti. Secondo gli autori del nuovo studio, condotto su modelli animali, queste piccole tracce possono essere contagiose. Inoltre, i ricercatori hanno concluso che questi eventi di trasmissione possono essere difficili da individuare a causa di un inizio ritardato della malattia.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x