Cancro orale, presto test della …

Presto sara' sviluppato u…

Approvato farmaco per la riduzio…

Boehringer Ingelheim ha a…

Dolore cronico per 1 marchigiano…

Senigallia, 17 maggio 201…

Il gene che fa 'battere il cuore…

La ricerca apre nuove pro…

Gravidanza: dopo il primo parto,…

La prima gravidanza, per…

Fumo: più a rischio tumori se si…

Fumare immediatamente…

Malattie autoimmuni: scoperto l'…

Ispirandosi ai successi o…

Scoperto il legame tra gene mast…

La spazzatura può avere v…

Fattore D: l’importanza di quest…

Dr. Marco Turco: “La vi…

Muoversi insieme ti fa raggiunge…

Parte a San Valentino il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tracce di RNA virale nei pazienti curati lascerebbe attiva la possibilità di contagio

Il virus dell’epatite C (Hcv) potrebbe essere contagioso anche dopo che i pazienti colpiti dall’infezione rispondono bene alla terapia antivirale.


Almeno secondo quanto emerso da uno studio del National Institutes of Health di Bethesda (Usa), pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Milioni di persone nel mondo vengono infettate con il virus dell’epatite C. Se non curata, l’infezione puo’ portare a gravi complicazioni, come la cirrosi epatica e cancro. HCVMolti pazienti con infezione rispondono bene alla terapia anti-virale e risultano liberi dal virus.
Tuttavia, tracce di Hcv-Rna sono state sporadicamente rilevate in questi pazienti. Secondo gli autori del nuovo studio, condotto su modelli animali, queste piccole tracce possono essere contagiose. Inoltre, i ricercatori hanno concluso che questi eventi di trasmissione possono essere difficili da individuare a causa di un inizio ritardato della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi