Tumore avanzato alla prostata: v…

[caption id="attachment_5…

Tumori: nuova risonanza magnetic…

Una nuova tecnica di ri…

Mappatura visione-linguaggio: st…

Alcuni scienziati coordin…

Epatite C: con Telaprevir un app…

Con il prossimo lancio su…

Workshop SIN Campania e Regione …

Medici e Istituzioni al t…

Il carboidrato "buono" e la cart…

Dio salvi gli spaghet…

Alzheimer: nuove speranze di tra…

Scienziati testano un nuo…

Tumori: stesse cellule malate, m…

Da tempo la comunita' sc…

Alzheimer: Trasporto degli antic…

Identificato un nuovo me…

Secchezza vaginale: un disturbo …

Secondo i ginecologi la s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tracce di RNA virale nei pazienti curati lascerebbe attiva la possibilità di contagio

Il virus dell’epatite C (Hcv) potrebbe essere contagioso anche dopo che i pazienti colpiti dall’infezione rispondono bene alla terapia antivirale.


Almeno secondo quanto emerso da uno studio del National Institutes of Health di Bethesda (Usa), pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Milioni di persone nel mondo vengono infettate con il virus dell’epatite C. Se non curata, l’infezione puo’ portare a gravi complicazioni, come la cirrosi epatica e cancro. HCVMolti pazienti con infezione rispondono bene alla terapia anti-virale e risultano liberi dal virus.
Tuttavia, tracce di Hcv-Rna sono state sporadicamente rilevate in questi pazienti. Secondo gli autori del nuovo studio, condotto su modelli animali, queste piccole tracce possono essere contagiose. Inoltre, i ricercatori hanno concluso che questi eventi di trasmissione possono essere difficili da individuare a causa di un inizio ritardato della malattia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi