Linfoma dell'orbita: si usano gl…

Un gruppo di ricercatori …

Spermatozoi in provetta: nuova f…

I ricercatori dell'Univer…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

L'intelligenza umana e gli acidi…

La chiave del successo ev…

Nanoparticelle guidate da un mag…

[caption id="attachme…

L'autosufficienza piena nella pr…

Roma, 20 febbraio 201…

Alzheimer: arteterapia e sindrom…

Applicata alla demenza,…

L'UE si prepara ad un progetto d…

È stato lanciato di recen…

Scoperto il batterio che può con…

Si chiama Akkermansia…

Retina artificiale organica: ita…

Una retina artificiale pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tracce di RNA virale nei pazienti curati lascerebbe attiva la possibilità di contagio

Il virus dell’epatite C (Hcv) potrebbe essere contagioso anche dopo che i pazienti colpiti dall’infezione rispondono bene alla terapia antivirale.


Almeno secondo quanto emerso da uno studio del National Institutes of Health di Bethesda (Usa), pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Milioni di persone nel mondo vengono infettate con il virus dell’epatite C. Se non curata, l’infezione puo’ portare a gravi complicazioni, come la cirrosi epatica e cancro. HCVMolti pazienti con infezione rispondono bene alla terapia anti-virale e risultano liberi dal virus.
Tuttavia, tracce di Hcv-Rna sono state sporadicamente rilevate in questi pazienti. Secondo gli autori del nuovo studio, condotto su modelli animali, queste piccole tracce possono essere contagiose. Inoltre, i ricercatori hanno concluso che questi eventi di trasmissione possono essere difficili da individuare a causa di un inizio ritardato della malattia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi