Artrite reumatoide: dolore croni…

Rinunciare alla maternita…

Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

L'appetito regolato dalle cellul…

Producendo una particolar…

Un inaspettato doppio controllo …

[caption id="attachment_7…

Tè verde contro tumori della pel…

Da un estratto di tè verd…

"Faccia da Toast" - Un laborator…

26 settembre 2014 ore 13,…

Neurofibromatosi: passi avanti n…

Un team di ricercatori pr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tracce di RNA virale nei pazienti curati lascerebbe attiva la possibilità di contagio

Il virus dell’epatite C (Hcv) potrebbe essere contagioso anche dopo che i pazienti colpiti dall’infezione rispondono bene alla terapia antivirale.


Almeno secondo quanto emerso da uno studio del National Institutes of Health di Bethesda (Usa), pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Milioni di persone nel mondo vengono infettate con il virus dell’epatite C. Se non curata, l’infezione puo’ portare a gravi complicazioni, come la cirrosi epatica e cancro. HCVMolti pazienti con infezione rispondono bene alla terapia anti-virale e risultano liberi dal virus.
Tuttavia, tracce di Hcv-Rna sono state sporadicamente rilevate in questi pazienti. Secondo gli autori del nuovo studio, condotto su modelli animali, queste piccole tracce possono essere contagiose. Inoltre, i ricercatori hanno concluso che questi eventi di trasmissione possono essere difficili da individuare a causa di un inizio ritardato della malattia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!