Ictus Ischemico: all’Ospedale di…

[caption id="attachment_7…

[Premi Nobel 2012] Per la fisica…

Lo scienziato francese Se…

Puntura di zecca: allo studio un…

Una ricerca dell'Universi…

Infezioni ossee: scoperto come c…

[caption id="attachme…

Diabete: ferite curate e frequen…

Le ferite croniche, c…

CCSVI: Metodo Zamboni, parte la …

Lo specialista ha ipotizz…

Mal di schiena: anche il fumo pr…

Ricercatori italiani svel…

Pandemia, via aerea è una realtà…

Uno studio computazionale…

Nuovi neuroni ottenuti come risp…

Gli scienziati sono riusc…

Cuore infartuato si ripara con i…

Piccole molecole di RNA (…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Retina: per ripararla, cellule staminali della polpa dentale

Dalle cellule staminali della polpa dentale, ricercatori britannici trovano il modo di favorire la sopravvivenza e la rigenerazione delle cellule retiniche dopo una lesione. Una speranza per tutti coloro che hanno problemi di vista o cecità dovuti alla retina

Dalle cellule staminali della polpa dentale, ricercatori trovano un possibile rimedio per i danni alla retina.
A causa di traumi o malattie come il glaucoma, la retina può venirne gravemente danneggiata, con tutti i problemi correlati che vanno a influire sulla vista.   Se infatti le cellule gangliari della retina (RGC) vengono danneggiate, tendono a morire. Ma ora, un team di ricercatori dell’Università di Birmingham, hanno scoperto che le cellule staminali isolate dai denti, chiamate cellule staminali della polpa (DPSC), sono in grado di proteggere le cellule gangliari della retina (RGCs) dalla morte in seguito a infortunio e di promuovere la rigenerazione dei loro assoni lungo il nervo ottico.

Il team, guidato dal dott. Ben Scheven, dalla dott.ssa Wendy Leadbeater e Ben Mead, ha esplorato le potenzialità di queste cellule staminali per contrastare la perdita di RGC, che è la principale causa di cecità. Fattori neurotrofici (NTFs), che viaggiano lungo l’assone di un neurone verso un corpo cellulare mettono in atto un segnale di sopravvivenza, tuttavia, a seguito di infortunio o malattia questo sostegno è perso e le RGC muoiono. Supplire dunque a questa carenza con una fonte alternativa di NTF è fondamentale per proteggerle dalla morte.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su Neural Regeneration Research e confermano che le cellule staminali della polpa dentale esprimono naturalmente multipli di NTF che possono integrare la fornitura perduta dei Fattori neurotrofici e proteggere le RGC dalla morte, nonché promuovere la rigenerazione dei loro assoni.
«La terapia cellulare è un trattamento promettente, in quanto fornisce una fonte potenzialmente illimitata di molteplici fattori di crescita per i neuroni danneggiati – spiega il dott. Ben Mead – Tuttavia, per l’applicazione clinica, i confronti con altre cellule staminali, nonché lo sviluppo di meccanismi di erogazione sicuri sono da indagare in futuro».

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x