Gravidanza: nuovo test del sangu…

Sara' maschio o femmina? …

Cefalee e sale: dimezzandone il …

Dimezzandone il consumo è…

La glicirrizina (liquirizia) con…

[caption id="attachment_5…

Catastrofi cromosomiche accelera…

[caption id="attachment_1…

1 aprile 2016: SECONDA GIORNATA…

Torna la 2° edizione dell…

Tumori della laringe: chirurgia …

Intervenire chirurgicamen…

L'accesso alle cure palliative e…

PROSPETTIVE E IMPATTO D…

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

ASCO 2014: presentati nuovi risu…

Merck annuncia una nuova …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studio mette in rilievo affinità genetiche esistenti tra amici

Chi si somiglia si piglia, e questo fin nel profondo del Dna. A gettare nuova luce sul detto popolare è una ricerca pubblicata su ‘Pnas’, secondo cui gli amici condividono fra loro, oltre a gusti e passioni, insolite somiglianze genetiche.

Dunque arrivare a considerare i propri amici un po’ come una famiglia non è un atteggiamento privo di basi scientifiche. Lo studio dell’Università della California a San Diego e della Yale University ha scoperto, infatti, che gli amici che non sono biologicamente imparentati fra loro (neanche alla lontana), si somigliano l’un l’altro geneticamente. Quasi come fossero cugini alla lontana.test_genetici
“Guardando all’intero genoma – spiega James Fowler dell’Uc di San Diego, che firma lo studio insieme a Nicholas Christakis di Yale – abbiamo scoperto che, in media, noi siamo piuttosto simili ai nostri amici. Abbiamo più Dna in comune con le persone che scegliamo nella nostra cerchia di affini rispetto ai perfetti sconosciuti nello stesso gruppo di popolazione”. La ricerca, in pratica, è stata condotta analizzando 1,5 mln di marker di varianti genetiche e si basa sui dati del celebre Framingham Heart Study.

I ricercatori si sono concentrati su 1.932 soggetti e hanno confrontato fra loro coppie di amici non imparentati con coppie di estranei senza rapporti di parentela.

Inoltre, hanno controllato anche l’eventuale presenza di antenati comuni: ebbene, fra gli amici i risultati vanno oltre le somiglianze che ci si aspetterebbe nel caso di persone che condividono avi comuni.
Ma quanto si somigliano gli amici, a livello di Dna? I ricercatori hanno una risposta precisa: gli amici sono legati fra loro come quarti cugini o persone che hanno in comune i bis-bis-bis-bisnonni. In pratica, questo equivale a circa l’1% dei nostri geni. “Questo può non sembrare molto, ma per i genetisti è un numero significativo”, dice Christakis. “Non solo: molte persone non conoscono i propri quarti cugini. Insomma, in noi c’è qualcosa che, tra miriadi di possibilità, ci spinge a scegliere persone che somigliano alla nostra famiglia”.

Nella loro ricerca gli scienziati hanno sviluppato quello che chiamano ‘punteggio dell’amicizia’, che permette di prevedere chi diventerà amico con un livello di sicurezza con cui oggi si prevede, su base genetica, la chance di sviluppare obesità e schizofrenia. Il fatto di avere caratteristiche comuni con i propri amici, una sorta di ‘familiarità funzionale’, può conferire vantaggi evoluzionistici, riflettono gli autori. Il team ha scoperto inoltre che gli amici presentano particolari somiglianze nei geni che influenzano il senso dell’odorato, mentre le maggiori differenze sono concentrate nei geni che controllano il sistema immunitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi