Virus in posa: frazione di milia…

È possibile fotografare u…

Fragole contro il colesterolo

Le fragole riducono il co…

Studi sulla relazione tra obesit…

[caption id="attachme…

Vaccini universali dal genoma si…

La vita artificiale è più…

ICTUS: studi americani rivelano …

[caption id="attachment_7…

Bicocca e Auxologico studiano gl…

Parte domani una spedizio…

Micro RNA e le nuove terapie per…

Farmaci a base di micro-R…

Infiammazione organica nei primi…

Un’infiammazione organica…

Realizzati nano-lettori di DNA c…

[caption id="attachment_8…

Una web tv per spiegare il dolor…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ebola: concreto il legame tra virus e commercio illecito di carni selvatiche

L’epidemia del virus Ebola in Africa occidentale potrebbe essersi diffusa anche grazie al commercio illegale di carne di animali selvatici.


E’ l’ipotesi che si sta facendo largo in Gran Bretagna – riporta il ‘Telegraph’ – lanciando l’allarme sulla possibilità che questi traffici alimentari illeciti di animali selvatici contagiati possano essere un rischio anche per il Paese.em_ebola Il virus infatti può propagarsi all’uomo anche con il contatto con gli organi interni e i fluidi degli animali malati.

Questo tipo di ‘prelibatezze’ esotiche (scimmie, gorilla, scimpanzé, antilopi) sono molto ricercate in Africa, ma hanno estimatori anche in Europa, soprattutto tra le comunità africane. Ogni anno sono 7.500 le tonnellate di carne di animali selvatici importate in Gran Bretagna, secondo l’associazione animalista ‘Born Free Foundation’.

Secondo il critico gastronomico Charles Campion “gli immigrati africani in Gran Bretagna comprano questa carne al mercato nero”, che spiegato al ‘Telegraph’ come questo fenomeno sia in ascesa. Secondo Will Travers, presidente di ‘Born Free Foundation’ “il governo britannico dovrebbe fare di più per evitare che questo tipo di lascia l’Africa e arrivi nel Paese. Servono – aggiunge – sanzioni più elevate per chi importa questi prodotti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi