Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Un algoritmo permettera' ad un P…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: presto il …

Prossimi gli esiti dei pr…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

Akitalab, un progetto indipenden…

[DAL SITO] 1° Ricerca Ita…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

La possibilita' di un vaccino an…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il riso combatte l’insonnia, più di pasta o pane

La differenza la fa l’indice glicemico. Studio pubblicato su Plos One

Se non si riesce a prendere sonno o il riposo notturno risulta essere poco tranquillo un rimedio – semplice da attuare e adatto a tutti – potrebbe risiedere nel consumare un piatto di riso a cena: provare non costa nulla. A sostenere gli effetti benefici del riso sulla qualità del sonno è un gruppo di ricercatori giapponesi della Kanazawa Medical University che, in un articolo pubblicato su Plos One, spiegano che a fare la differenza sarebbe l’indice glicemico di questo alimento, ovvero il valore che indica quanto velocemente i carboidrati vengono scomposti in zucchero all’interno dell’organismo.riso1

Lo studio è stato condotto esaminando alimentazione e qualità del sonno di quasi duemila uomini e donne giapponesi tra i 20 e i 60 anni di età.

In particolare sono stati paragonati i consumi di riso, pasta e pane, tutti alimenti ad alto contenuto di amido, e sono stati valutati i loro effetti sulla qualità del sonno: ed è così emerso che mentre coloro che mangiano più spesso riso tendono ad avere una buona qualità del sonno, lo stesso non accade nei soggetti che mangiano pane o pasta – in particolare l’assunzione di pane non è risultata associata a una buona qualità di sonno e il consumo di pasta è risultato, al contrario, connesso a una qualità di sonno scarsa.

La differenza, spiegano i ricercatori, potrebbe risiedere nel diverso indice glicemico di questi tre cibi, più alto nel riso e più basso in pasta e pane: il consumo di un alimento dall’alto indice glicemico sembrerebbe infatti aumentare nell’organismo i livelli di una proteina, il triptofano, nota per stimolare l’attività della serotonina, uno dei neurotrasmettitori responsabili della sensazione di benessere e in grado di indurre il sonno.

“Un’alimentazione ad alto indice glicemico e un alto consumo di riso sono risultati significativamente associati con un buon sonno nella popolazione giapponese, sia negli uomini che nelle donne – scrivono gli autori dello studio -. Le diverse associazioni di questi tre alimenti ricchi di amido con la qualità del sonno potrebbero essere attribuite quindi al diverso indice glicemico di ogni alimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: