Sanità, incontinenza: giunta reg…

Cagliari, 24 gennaio 2014…

Radiologia del terzo millennio: …

E' nata la radiologia del…

Ipertensione: diventa una cura u…

Non solo all'umore, alla …

Asma: un quarto degli attacchi p…

Il 25 per cento degli att…

Tumori: i bersagli dei nuovi far…

Un nuovo farmaco, svilupp…

Un nuovo nuovo laser risolve def…

Unità Operativa di Urolog…

Alzheimer: diagnosi oggettive si…

Un team di ricercatori gu…

Un nuovo metodo verde per produr…

Finanziato nell’ambito de…

Morbo di Parkinson: rimosso prin…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le ricerche indipendenti confermano la sottovalutazione degli equivalenti in Italia

Roma, 24 ottobre 2016 – Il Position Statement recentemente pubblicato dal Gimbe rappresenta la prima analisi indipendente che mette come vi sia soprattutto un fattore culturale dietro il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti in Italia rispetto alla media europea. Secondo il documento, infatti, i principali ostacoli ad un più ampio utilizzo dei farmaci equivalenti sembrano essere i pregiudizi sulla loro efficacia e sicurezza, che vanno a creare un sinergia negativa con gli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa attuale sul generico. assogenerici “Ciò che viene comunicato qui è quanto sosteniamo da tempo” commenta il presidente di Assogenerici, Enrique Häusermann.


“Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti, determinato dalla diffidenza, nuoce alla collettività ovvero alla salute pubblica nel suo complesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: