Alzheimer: le statine utilissime…

Le statine comunemente pr…

Ricerca UE internazionale usa or…

L'UE ha avviato un proget…

Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Emicrania: in GB al via il tratt…

[caption id="attachment_9…

Alopecia areata: in arrivo pillo…

L’FDA americana ha approv…

Ictus: sintomi non riconosciuti …

[caption id="attachment_7…

Cetuximab: nuove conferme nel tr…

·         I nuovi risul…

Olfatto dell'uomo: scienziati sc…

Un team europeo di scienz…

Morbo di Huntington: studiosi ir…

Alcuni ricercatori irland…

Progetto europeo EPITHERAPY per …

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le ricerche indipendenti confermano la sottovalutazione degli equivalenti in Italia

Roma, 24 ottobre 2016 – Il Position Statement recentemente pubblicato dal Gimbe rappresenta la prima analisi indipendente che mette come vi sia soprattutto un fattore culturale dietro il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti in Italia rispetto alla media europea. Secondo il documento, infatti, i principali ostacoli ad un più ampio utilizzo dei farmaci equivalenti sembrano essere i pregiudizi sulla loro efficacia e sicurezza, che vanno a creare un sinergia negativa con gli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa attuale sul generico. assogenerici “Ciò che viene comunicato qui è quanto sosteniamo da tempo” commenta il presidente di Assogenerici, Enrique Häusermann.


“Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti, determinato dalla diffidenza, nuoce alla collettività ovvero alla salute pubblica nel suo complesso”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi