La sindrome di Alcock, che non t…

La nevralgia del pudendo,…

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Feste natalizie tra picco di inf…

Roma, 19 dicembre 2018 - …

Nuove giornate pediatriche sirac…

La SIPPS (Società Italian…

Teva annuncia nuovi dati sui pro…

Un congresso sulla ricerc…

Tumore al fegato: al Gemelli pri…

Il primo trattamento di …

Cancro al Pancreas: in GB al via…

Un trial per il vaccino c…

Eutanasia: Fondazione Maruzza (c…

La Fondazione Maruzza, da…

Tumore dell'ovaio: più informazi…

A Milano incontro pubblic…

Mal di schiena: ereditario nel 5…

Un 'fardello' che, in cir…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le ricerche indipendenti confermano la sottovalutazione degli equivalenti in Italia

Roma, 24 ottobre 2016 – Il Position Statement recentemente pubblicato dal Gimbe rappresenta la prima analisi indipendente che mette come vi sia soprattutto un fattore culturale dietro il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti in Italia rispetto alla media europea. Secondo il documento, infatti, i principali ostacoli ad un più ampio utilizzo dei farmaci equivalenti sembrano essere i pregiudizi sulla loro efficacia e sicurezza, che vanno a creare un sinergia negativa con gli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa attuale sul generico. assogenerici “Ciò che viene comunicato qui è quanto sosteniamo da tempo” commenta il presidente di Assogenerici, Enrique Häusermann.


“Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti, determinato dalla diffidenza, nuoce alla collettività ovvero alla salute pubblica nel suo complesso”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi