Fattore D: l’importanza di quest…

Dr. Marco Turco: “La vi…

Fumatori incalliti: tracciato il…

La predisposizione a dive…

Alzheimer: attivita' bilingue al…

Parlare due lingue mette …

Tumore al polmone: dopo il fumo …

La 'Relazione sullo stato…

La dineina, pigro motore delle c…

[caption id="attachment_7…

Nuove strategie terapeutiche ant…

Abbasanta (OR), 13 aprile…

NOTES: chirurgia mini-invasiva e…

[caption id="attachment_9…

Tumori della pelle: elastografia…

Una tecnica ultrasonica a…

Cancro al polmone di tipo NSCLC:…

[caption id="attachme…

Scarsi livelli di vitamina B1 e …

Gli scienziati avvertono …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le ricerche indipendenti confermano la sottovalutazione degli equivalenti in Italia

Roma, 24 ottobre 2016 – Il Position Statement recentemente pubblicato dal Gimbe rappresenta la prima analisi indipendente che mette come vi sia soprattutto un fattore culturale dietro il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti in Italia rispetto alla media europea. Secondo il documento, infatti, i principali ostacoli ad un più ampio utilizzo dei farmaci equivalenti sembrano essere i pregiudizi sulla loro efficacia e sicurezza, che vanno a creare un sinergia negativa con gli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa attuale sul generico. assogenerici “Ciò che viene comunicato qui è quanto sosteniamo da tempo” commenta il presidente di Assogenerici, Enrique Häusermann.


“Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti, determinato dalla diffidenza, nuoce alla collettività ovvero alla salute pubblica nel suo complesso”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x