Dialisi: per allungare i tempi t…

Meno fosforo, latte,…

Melanoma e radiazioni ultraviole…

La correlazione tra espos…

Cellule staminali pluripotenti i…

Una equipe giapponese ha …

Ebook readers con inchiostro ele…

A differenza degli sc…

AssoGenerici al fianco della SIF…

Siglata una partnership p…

Funziona il primo polmone in pro…

[caption id="attachment_8…

Genetica: prima volta due DNA ma…

TERAMO. Nei laboratori de…

Molecole: una tecnica per indivi…

Per studiare il funzionam…

L'importanza del pH del sangue c…

[caption id="attachment_7…

Nuovo metodo per studiare altera…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le ricerche indipendenti confermano la sottovalutazione degli equivalenti in Italia

Roma, 24 ottobre 2016 – Il Position Statement recentemente pubblicato dal Gimbe rappresenta la prima analisi indipendente che mette come vi sia soprattutto un fattore culturale dietro il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti in Italia rispetto alla media europea. Secondo il documento, infatti, i principali ostacoli ad un più ampio utilizzo dei farmaci equivalenti sembrano essere i pregiudizi sulla loro efficacia e sicurezza, che vanno a creare un sinergia negativa con gli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa attuale sul generico. assogenerici “Ciò che viene comunicato qui è quanto sosteniamo da tempo” commenta il presidente di Assogenerici, Enrique Häusermann.


“Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti, determinato dalla diffidenza, nuoce alla collettività ovvero alla salute pubblica nel suo complesso”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi