Diabete di tipo 2: gli asparagi …

Nella frittata, nel risot…

Tumore alla prostata: recidiva c…

La valutazione dettagliat…

Testosterone sarà la contraccezi…

[caption id="attachment_5…

Vaccino: tutto quello che bisogn…

Un esperto parla del vacc…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Frutti rossi: due o tre porzioni…

Due o tre porzioni di fr…

Malaria: alcuni batteri presenti…

Le persone con limitata v…

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

Gravi disturbi del sonno e la re…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le ricerche indipendenti confermano la sottovalutazione degli equivalenti in Italia

Roma, 24 ottobre 2016 – Il Position Statement recentemente pubblicato dal Gimbe rappresenta la prima analisi indipendente che mette come vi sia soprattutto un fattore culturale dietro il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti in Italia rispetto alla media europea. Secondo il documento, infatti, i principali ostacoli ad un più ampio utilizzo dei farmaci equivalenti sembrano essere i pregiudizi sulla loro efficacia e sicurezza, che vanno a creare un sinergia negativa con gli ampi margini di discrezionalità consentiti dalla normativa attuale sul generico. assogenerici “Ciò che viene comunicato qui è quanto sosteniamo da tempo” commenta il presidente di Assogenerici, Enrique Häusermann.


“Il sottoutilizzo dei farmaci equivalenti, determinato dalla diffidenza, nuoce alla collettività ovvero alla salute pubblica nel suo complesso”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!