Al 24° Congresso ECCMID di Barce…

Prevenire la diffusione d…

Malattie rare: governo approva o…

Un ordine del giorno unit…

Fumo passivo: invecchia di tre a…

Nuovo allarme per il fum…

Due geni responsabili di un'alle…

[caption id="attachment_…

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

Depressione: test del sangue per…

L'esame si basa sulla mis…

Alzheimer: diagnosi precoce graz…

I primi sintomi dell'Alz…

Ictus: anche quelli di lieve ent…

Anche se apparentemente p…

Perdita di densità ossea: topi n…

Un gruppo di topi affront…

AIDA inaugura sede a Bari: Dal 1…

Per divulgare le discipli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Isolate staminali del rene, nuova speranza per rigenerazione

Anche i reni hanno le loro cellule staminali. Cellule che, secondo le ipotesi degli esperti, potrebbero essere in grado di riparare i danni renali, se opportunamente guidate. I primi a identificarle sono stati i ricercatori dell’universita’ di Firenze, che sull’argomento hanno pubblicato di recente uno studio sul Journal of the American Society of Nephrology. E a illustrarne le potenzialita’, ieri a Milano, in occasione della presentazione del Congresso mondiale di nefrologia 2009, e’ stato Giuseppe Remuzzi, direttore della divisione di Nefrologia e dialisi degli ospedali riuniti di Bergamo.

“La verita’ sulle staminali – spiega l’esperto – e’ quella che ha ricordato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, quando ha annunciato l’abolizione del veto sull’uso di staminali embrionali in ricerche finanziate da fondi pubblici: sono promettenti, ma la strada e’ ancora lunga. Al momento queste cellule curano nella pratica pochissime malattie. Dobbiamo studiarle, paragonare i diversi tipi”.


Molti scienziati, prosegue Remuzzi, ci credono, anche se i risultati sono ancora pochi e perlopiu’ ottenuti in vitro. “Il sogno di tutti resta riparare gli organi con le staminali”. E per i reni ci sono buone speranze, aggiunge. “Nel senso che le staminali potrebbero essere responsabili di un processo di rigenerazione osservato negli animali trattati con farmaci del gruppo Ace-inibitori, medicinali che anche nell’uomo ritardano la progressione della malattia. L’ipotesi e’ che queste cellule abbiano una dote innata di riparare i danni e che, attraverso l’uso di farmaci, questa attivita’ possa essere indirizzata e sostenuta, ottenendo buoni risultati”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi