Cellulite: in USA ok al primo tr…

Autorizzata negli Stati U…

Un nuovo nuovo laser risolve def…

Unità Operativa di Urolog…

Nuove terapie per la cura dei tu…

Roma, 3 nov - ''Nuovi far…

Le bugie hanno il naso caldo

Ricercatori europei nel s…

Ormone in grado di simulare gli …

Trarre i vantaggi dell'at…

Nobel 2014 Medicina e coniugi Mo…

I coniugi norvegesi Edvar…

Lesioni midollo spinale: ottimi …

[caption id="attachment_7…

Descritto un gene che riattivato…

Scoperto un gene che, se …

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

La "luce in fondo al tunnel" del…

Circa il 20% di chi s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Isolate staminali del rene, nuova speranza per rigenerazione

Anche i reni hanno le loro cellule staminali. Cellule che, secondo le ipotesi degli esperti, potrebbero essere in grado di riparare i danni renali, se opportunamente guidate. I primi a identificarle sono stati i ricercatori dell’universita’ di Firenze, che sull’argomento hanno pubblicato di recente uno studio sul Journal of the American Society of Nephrology. E a illustrarne le potenzialita’, ieri a Milano, in occasione della presentazione del Congresso mondiale di nefrologia 2009, e’ stato Giuseppe Remuzzi, direttore della divisione di Nefrologia e dialisi degli ospedali riuniti di Bergamo.

“La verita’ sulle staminali – spiega l’esperto – e’ quella che ha ricordato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, quando ha annunciato l’abolizione del veto sull’uso di staminali embrionali in ricerche finanziate da fondi pubblici: sono promettenti, ma la strada e’ ancora lunga. Al momento queste cellule curano nella pratica pochissime malattie. Dobbiamo studiarle, paragonare i diversi tipi”.


Molti scienziati, prosegue Remuzzi, ci credono, anche se i risultati sono ancora pochi e perlopiu’ ottenuti in vitro. “Il sogno di tutti resta riparare gli organi con le staminali”. E per i reni ci sono buone speranze, aggiunge. “Nel senso che le staminali potrebbero essere responsabili di un processo di rigenerazione osservato negli animali trattati con farmaci del gruppo Ace-inibitori, medicinali che anche nell’uomo ritardano la progressione della malattia. L’ipotesi e’ che queste cellule abbiano una dote innata di riparare i danni e che, attraverso l’uso di farmaci, questa attivita’ possa essere indirizzata e sostenuta, ottenendo buoni risultati”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi