#Tumori: gli esperti puntano sui…

I nanofarmaci hanno migli…

Bibite gassate: a New York non s…

I limiti salutisti al con…

Da Palermo la proposta di ‘Anemi…

Professori, medici spec…

Lo zucchero abbassa i livelli de…

[caption id="attachme…

Sanità: Pensare al futuro oltre …

Milano, 13 maggio 2013 …

Tumori: scoperto un gene chiave …

Un gruppo di scienziati a…

Gli integratori e il benessere d…

Germano Scarpa, Preside…

Virtu' anti-obesita' delle prote…

[caption id="attachment_6…

Oppioidi ingegnerizzati: modific…

I GENI del papavero da op…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma cronica: individuata la chiave dello sviluppo

Diagramma di azione della pompa cellulare SERCA2

Diagramma di azione della pompa cellulare SERCA2

Un nuovo componente chiave nello sviluppo dell’asma cronica e’ stato scoperta da un gruppo di scienziati del King’s College di Londra. La scoperta, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences, apre la strada a nuovi trattamenti. “Ci siamo concentrati sul ruolo di ‘SERCA2′ una pompa cellulare che serve a regolare lo scambio di sostanze sulle membrane delle cellule muscolari”, ha spiegato Tak Lee, a capo della ricerca. “SERCA2′ e’ un fattore critico – ha aggiunto – nelle fasi di rimodellamento e cambiamento dei polmoni nei casi di asma cronico. Questo rimodellamento e’ il maggior responsabile della cronicita’ e dei problemi dell’asma. Dei medicinali che agiscano su ‘SERCA2’ potrebbero arrestare i danni ai polmoni”. Il gruppo di ricerca ha scoperto che nelle persone che soffrivano di asma moderata, ‘SERCA2’ agiva di meno all’interno delle cellule muscolari delle vie aeree.


“Riteniamo che la mancanza di ‘SERCA2’ giochi un ruolo fondamentale nel causare i sintomi asmatici. Infatti rimuovendo ‘SERCA2’ dai polmoni di individui che non soffrivano di asma, le cellule muscolari dei polmoni hanno cominciato a comportarsi come delle cellule asmatiche”, ha detto Lee. La ricerca offre degli indizi importanti per elaborare delle strategie di trattamento. “Rimpiazzare ‘SERCA2’ nelle cellule muscolari dei polmoni potrebbe essere un sistema efficace per ridurre i sintomi ed arrestare l’avanzata dell’asma, dando speranza alle milioni di persone affette da questa malattia”, ha concluso Lee.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi