Epilessia, scoperta cura genica…

[caption id="attachme…

Alternativa italiana alla crioco…

La liofilizzazione di ca…

La ripresa di Camerino comincia …

La ripresa di Camerino co…

CSS: per combattere il grasso no…

No a cocktail di farmaci …

Ipertensione: già in età pediatr…

Un test delle urine del b…

Dal CNR la scoperta di un gene i…

[caption id="attachment_8…

Vasectomia, potrebbe aumentare r…

Gli uomini che hanno fatt…

Modello matematico per predire a…

[caption id="attachment_9…

HIV: studio dimostra dove il vir…

Identificata la regione d…

Colesterolo: proteina dannosa se…

Una proteina coinvolta ne…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cause di tumore cerebrale nei giovani: sistemi di telecomunicazione e fattori ambientali

Immagine del prima/dopo una conversazione ad un comune cellulare

Immagine termografica del prima/dopo una conversazione ad un comune cellulare

Parte lo studio multicentrico internazionale MOBI-KIDS, che coinvolge gruppi di ricerca di 13 Paesi, per analizzare il rapporto tra sistemi di telecomunicazione, fattori ambientali e tumore cerebrale nei giovani.

Tra i tumori maligni pediatrici, il tumore cerebrale rappresenta la seconda neoplasia più frequente dopo la leucemia e la sua incidenza fra i giovani al di sotto dei 20 anni è in continuo aumento. Attualmente la conoscenza delle cause del tumore cerebrale è limitata.

Esistono fattori di rischio noti, come la familiarità o l’esposizione alle radiazioni ionizzanti, mentre altri fattori ambientali solamente ipotizzati, come il tipo di
alimentazione durante la gravidanza, l’esposizione ad agenti chimici o a campi elettromagnetici, compreso l’utilizzo di telefoni cellulari.

Nonostante l’ampia diffusione dei mezzi di comunicazione, i loro possibili effetti sullo sviluppo di tumore cerebrale nei giovani sono ancora ignoti, anche a causa del numero limitato di soggetti giovani inclusi nelle ricerche condotte finora.

È stato quindi avviato uno studio multicentrico internazionale che coinvolge esperti provenienti da 13 differenti Paesi, europei ed extra-europei, al fine di indagare le potenziali associazioni tra diversi fattori ambientali, incluso l’utilizzo dei telefoni cellulari, e i tumori cerebrali.


Lo studio è finanziato dall’Unione Europea e da finanziatori locali nei Paesi extra-europei e prevede, nel giro di 5 anni, di coinvolgere circa 4000 giovani tra i 10 e i 24 anni (di cui la metà affetti da tumore cerebrale e l’altra metà no).

Verrà utilizzato un questionario dettagliato per raccogliere informazioni relative ai fattori demografici, alla storia residenziale e ai fattori di rischio ambientali.

Dopo una fase preparatoria della durata di un anno, nel 2010 partirà la fase di reclutamento dei partecipanti allo studio.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x