Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cause di tumore cerebrale nei giovani: sistemi di telecomunicazione e fattori ambientali

Immagine del prima/dopo una conversazione ad un comune cellulare

Immagine termografica del prima/dopo una conversazione ad un comune cellulare

Parte lo studio multicentrico internazionale MOBI-KIDS, che coinvolge gruppi di ricerca di 13 Paesi, per analizzare il rapporto tra sistemi di telecomunicazione, fattori ambientali e tumore cerebrale nei giovani.

Tra i tumori maligni pediatrici, il tumore cerebrale rappresenta la seconda neoplasia più frequente dopo la leucemia e la sua incidenza fra i giovani al di sotto dei 20 anni è in continuo aumento. Attualmente la conoscenza delle cause del tumore cerebrale è limitata.

Esistono fattori di rischio noti, come la familiarità o l’esposizione alle radiazioni ionizzanti, mentre altri fattori ambientali solamente ipotizzati, come il tipo di
alimentazione durante la gravidanza, l’esposizione ad agenti chimici o a campi elettromagnetici, compreso l’utilizzo di telefoni cellulari.

Nonostante l’ampia diffusione dei mezzi di comunicazione, i loro possibili effetti sullo sviluppo di tumore cerebrale nei giovani sono ancora ignoti, anche a causa del numero limitato di soggetti giovani inclusi nelle ricerche condotte finora.

È stato quindi avviato uno studio multicentrico internazionale che coinvolge esperti provenienti da 13 differenti Paesi, europei ed extra-europei, al fine di indagare le potenziali associazioni tra diversi fattori ambientali, incluso l’utilizzo dei telefoni cellulari, e i tumori cerebrali.


Lo studio è finanziato dall’Unione Europea e da finanziatori locali nei Paesi extra-europei e prevede, nel giro di 5 anni, di coinvolgere circa 4000 giovani tra i 10 e i 24 anni (di cui la metà affetti da tumore cerebrale e l’altra metà no).

Verrà utilizzato un questionario dettagliato per raccogliere informazioni relative ai fattori demografici, alla storia residenziale e ai fattori di rischio ambientali.

Dopo una fase preparatoria della durata di un anno, nel 2010 partirà la fase di reclutamento dei partecipanti allo studio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!