Disfunzione erettile: 3 milioni …

Vive il proprio disagio c…

Il daltonismo trattato con terap…

[caption id="attachme…

Cancro: scoperti i geni nemici d…

[caption id="attachme…

Albumina nelle urine: predittiva…

[caption id="attachment_8…

Apnee notturne possono rappresen…

Fatica a respirare du…

Rilpivirina è stata approvata in…

Beerse, Belgio, 28 No…

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Ultrabatteri: i ceppi resistenti…

Invulnerabili a quals…

Cannabis (THC) in monoterapia no…

La cannabis non e' effica…

Integratori contenenti il DMA po…

Se contengono dimetilam…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Durante le prime fasi dello sviluppo embrionale lo stesso gene modula crescita del cuore e del cranio

SHP-2

SHP-2

Identificato il gene responsabile del normale sviluppo del cuore e del cranio. Lo studio, che sara’ pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, e’ a opera di un team di ricerca del Children’s Hospital Medical Center di Cincinnati, Stati Uniti. I ricercatori hanno scoperto che un gene di nome SHP2 e la sua proteina corrispondente giocano un ruolo centrale durante le prime fasi dello sviluppo embrionale del cuore e del cranio.
“Il gene agisce sulle cellule della cresta neurale, cellule che migrano in varie regioni dell’embrione all’inizio dello sviluppo, per andare a differenziarsi in vari tessuti, tra cui quello del muscolo liscio cardiaco e le ossa del cranio” ha detto Jeffrey Robbins, tra gli autori dello studio.


“Abbiamo scoperto che una mancanza dell’attivita’ di SHP2 causa un fallimento della differenziazione delle cellule della cresta neurale. Questo puo’ portare a malformazioni cosi’ gravi da compromettere lo sviluppo del feto”. Gli studi sono stati svolti su embrioni di topo, ma i ricercatori ritengono che il risultato sia significativo anche per l’uomo. “Stiamo migliorando la nostra comprensione delle prime fasi di sviluppo embrionale umano. Il 4 per cento delle persone nasce con malformazioni congentite, e lo sviluppo scorretto del cuore e’ tra le piu’ comuni. Vogliamo creare dei farmaci specifici che agiscano sull’espressione genica, per trattare malformazioni cardiache e craniali sul nascere” ha concluso Robbins.



Fonte: AGI

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!