Tentazioni multicellulari dell'a…

La scoperta contribuisce …

Morti da "sangue infetto": ripar…

Roma, 10 luglio 2014. La …

Medulloblastoma: scoperte le mut…

E’ la neoplasia cerebrale…

Mielina: nuovo studio rileva com…

La scienza ha sinora ipot…

La dislessia si manifesta anche …

Il disturbo non riguarda …

Metodo Stamina, Nanni Costa, fuo…

I trattamenti con cellul…

Osteoporosi: scoperta una protei…

[caption id="attachme…

Allergie: occhio a quelle "nasco…

Per i pazienti allergici …

Degenerazione maculare senile: l…

Un uso regolare di aspiri…

Informatica usa come modello il …

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La mancanza di Una proteina nelle infezioni croniche (HIV ed Epatite C) disarma il sistema immunitario.

Una proteina (in altri post è stata citata un’altra interleuchina: la IL-17)), la interleuchina 21 (o IL-21) serve a stimolare le cellule del sistema immunitario per contrastare efficacemente i virus delle malattie croniche.

La ragione per cui alcune infezioni particolarmente gravi e croniche, come per esempio l’HIV o il virus dell’epatite C non vengono debellate nel nostro organismo è dovuta principalmente al fatto che questi virus riescono a disarmare il sistema immunitario.

Alcuni ricercatori dell’Università dell’Alabama hanno scoperto che nel sistema immunitario deve essere presente una proteina il cui ruolo è assolutamente necessario perché le difese immunitarie possano avere una qualche chance di riuscire a contrastare le infezioni croniche.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, rappresenta un passo avanti nella comprensione di un meccanismo finora rimasto sconosciuto: come possono comunicare tra loro le cellule T killer e quelle T helper, che insieme lavorano per riconoscere un agente infettivo e combatterlo. Secondo lo studio la proteina interleuchina 21 è la chiave della comunicazione tra questi tipi di cellule.


L’esperimento, condotto su topi da laboratorio trattati con il virus della coriomeningite linfocitaria, un’infezione che colpisce la membrana del cervello ed il midollo spinale, ha verificato che, nei topi a cui veniva somministrata l’interleuchina 21 la reazione all’infezione era migliorata notevolmente.


Questa proteina dunque serve a stimolare le cellule T hleper ad inviare i giusti messaggi ed informazioni alle cellule T killer che potranno così attaccare e distruggere il virus.

Se essa risulta mancante, per qualsiasi motivo, allora il sistema immunitario anti-virale fallisce gli sforzi per combattere l’attacco virale.
Il video:

Chronic Infection Now Clearly Tied to Immune-System Protein from uabnews on Vimeo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!