Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

TUMORI E TERAPIA GENICA: ‘PROTEINA DI FUSIONE’ BLOCCA LA CRESCITA TUMORALE NEI TOPI.

La proteina tumorale TEM8 a destra

La proteina tumorale TEM8 a destra

Una nuova terapia genica che interrompe la crescita dei tumori e’ in corso di sviluppo nei laboratori dell’Universita’ della Florida, ed e’ capace di bloccare il flusso di sangue e nutrienti che alimentano il tumore. Il team di ricerca, guidato dal Dr. Bradley S. Fletcher, ha sviluppato una ‘proteina di fusione’ artificiale capace di agire sia stimolando la trombosi, sia su una proteina tumorale chiamata TEM8, che permette al tumore di legarsi ai vasi sanguinei e di nutrirsi. I geni che codificano per la proteina di fusione sono stati messi all’interno delle cellule dei polmoni dei topi e sono stati inseriti stabilmente nel loro genoma.


I polmoni hanno cosi’ cominciato a funzionare come delle fabbriche di produzione della proteina di fusione, che ha poi trovato la sua strada verso le cellule tumorali. “Pensavamo che il TEM8 fosse il bersaglio ideale per l’azione della proteina di fusione”, ha detto Fletcher. “E’ all’interno dei vasi sanguinei, e si esprime prevalentemente li'”.


Negli esperimenti svolti sui topi all’interno dei quali erano state trapiantate cellule tumorali umane, i tumori trattati con il gene per la proteina artificiale si sono ridotti in volume del 53 per cento, e la loro crescita e’ rallentata del 49 per cento.

“La proteina che abbiamo creato ha fatto un ottimo lavoro nel cercare il tumore e legarsi ad esso”, ha detto Stephen Fernando, del team di ricerca che pubblichera’ i risultati dello studio sulla rivista Cancer Research. “Abbiamo creato una potenziale terapia contro il cancro, tagliando le risorse nutritive che il tumore usa per crescere”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!