HIV/AIDS: un farmaco che contien…

Pubblicato il 20 aprile s…

Cancro al pancreas: cause ascrit…

Un gruppo di ricercatori …

Vista: intervento risolutivo per…

Un unico intervento per p…

Record di partecipanti all’edizi…

Anche un team italiano pa…

Contraccezione, quando l’amore t…

A ogni passione il suo me…

Malattie rare: oltre il 50 perce…

ATTENZIONE: OLTRE IL 50% …

Infarto: l'ottimismo è alla base…

Buonumore arma migliore p…

Quando il cuore inizia i primi b…

[caption id="attachment_6…

Carcinoma ovarico: scoperto mecc…

Scoperto un nuovo meccani…

I neuroni prediligono i volti 'p…

Data l'importanza del ric…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studio avverte: l’uso regolare dell’aspirina può fare più male che bene

Un’aspirina al giorno toglie il medico ti torno? Una nuova ricerca, che fa parte del programma BIOMED (“Biomedicine and health”) finanziato dall’UE, dimostra che ciò non è sempre vero. I ricercatori hanno scoperto che, anche se l’uso regolare dell’aspirina può ridurre l’incidenza di infarti non mortali o di ictus di circa il 12%, c’è un aumento del 33% del rischio di emorragie interne nelle persone che non hanno un’anamnesi di malattia importante (prevenzione primaria). Le scoperte sono pubblicate nella rivista The Lancet.


Il professor Colin Baigent del Clinical Trial Service Unit e dell’Epidemiological Studies Unit presso l’università di Oxford nel Regno Unito ha guidato la ricerca, che ha rivelato che le linee guida generali che sostengono l’uso dell’aspirina in individui sani non sono fondate.

“La sicurezza farmacologica è importante quando si tratta di fare raccomandazioni per milioni di persone sane,” avrebbe detto il professor Baignet secondo il The Daily Mail. E per quanto riguarda le persone sane, non ci sono prove a sufficienza da suggerire che i benefici dell’assunzione di aspirina sul lungo termine superano il rischio secondo un margine conveniente, ha aggiunto.

“Le linee guida attuali ignorano largamente qualsiasi differenza nel rischio di emorragie e consigliano che l’aspirina venga usata ampiamente per la prevenzione primaria di quest’ultime, con un rischio moderatamente aumentato di malattia cardiaca coronarica,” riporta lo studio. “È stato anche suggerito che – dal momento che l’età è un fattore determinante del rischio di malattia coronarica – l’assunzione giornaliera di aspirina dovrebbe iniziare in tutte le persone a partire da una certa età, sia da sola o combinata ad altri farmaci.”

I ricercatori – che sono membri della collaborazione ATT (Antithrombotic Trialists) – hanno valutato i dati di oltre 95.000 persone che hanno partecipato a 6 trial clinici randomizzati durante i quali è stata studiata la prevenzione primaria attraverso l’uso dell’aspirina.

Sulla base dei loro risultati, il rischio di eventi vascolari gravi sono caduti dallo 0,57% allo 0,51% ogni anno grazie al trattamento con l’aspirina, ma il rischio di emorragie gravi è cresciuto dallo 0,07% allo 0,10% ogni anno. Secondo i ricercatori, ciò indica che l’aspirina non è – in effetti – un metodo di facile applicazione nella prevenzione primaria.

“Nei pazienti che sono ad alto rischio perché già affetti da malattia vascolare ostruttiva, la terapia antipiastrinica a lungo termine (ad es. con l’aspirina) riduce di quasi un quarto il rischio annuale di eventi vascolari seri,” si legge nello studio. “Questa diminuzione corrisponde in generale a una riduzione assoluta di circa il 10-20 per mille nell’incidenza annuale di eventi non mortali, e ad una minore, ma comunque precisa, riduzione dei decessi vascolari.”

Negli studi di prevenzione secondari – che hanno esaminato pazienti che assumevano aspirina per prevenire il ripetersi di un infarto – i ricercatori hanno trovato che l’aspirina riduce il rischio di eventi vascolari gravi di circa il 20%. La riduzione del rsichio era simile per gli uomini e per le donne in entrambi i trial.

L’alternativa alla prevenzione primaria – dicono i ricercatori – è di ritardare l’inizio del trattamento a lungo termine con l’aspirina finché non vengano osservati gli indizi di una malattia vascolare ostruttiva, che colpisce le arterie e porta a insufficienza distale delle arterie e ad ischemia.


La ricerca mostra che “il maggiore svantaggio del rinvio è che i primi sintomi della malattia potrebbero manifestarsi in un evento disabilitante o mortale; il principale vantaggio è, però, il fatto che si potrebbero evitare decenni di rischio leggermente aumentato di emorragia cerebrale o sanguinamento extracranico grave.”

Secondo il team, sono già stati avviati ulteriori trial.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!