La placenta custodisce il segret…

[caption id="attachment_1…

Rapamicina allunga la vita ma no…

La rapamicina puo' au…

Chirurgia bariatrica: i vantaggi…

"Le operazioni di chirur…

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

Glaucoma: un nuovo studio cambia…

[caption id="attachment_6…

Melanoma: test del vaccino da "p…

Il tumore della pelle…

Salute mentale femminile: il 10 …

In occasione della Giorna…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Le uova a protezione degli occhi

Sembra strano ma sembr…

Prima volta microchip infetta uo…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antibiotici e multiresistenza

Lo studio dimostrerebbe che, in termini biologici, la resistenza a più farmaci ha un costo biologico inferiore a quella singola


L’acquisizione di una resistenza agli antibiotici da parte dei batteri sopprime gli svantaggi collegati a eventuali resistenze precedenti: a scoprire questo meccanismo sono stati i ricercatori dell’ Instituto Gulbenkian de Ciência (IGC), in Portogallo, guidati da Isabel Gordo, che ne riferiscono sulle pagine della rivista ad accesso libero “PLoS Genetics”.L’acquisizione della resistenza passa infatti dallo sviluppo di una mutazione, ma ciò ha un costo biologico: cruciale in un ambiente con antibiotici, tale mutazione porta a un tasso di sopravvivenza inferiore in un ambiente che ne è privo.


I batteri della specie Escherichia coli mostrano mutazioni spontanee che conferiscono resistenza ai comuni antibiotici (gli stessi utilizzati contro il Mycobacterium tuberculosis, l’agente infettivo della tuberculosi).

Questo approccio ha permesso al gruppo di misurare l’effetto delle interazioni genetiche – un fenomeno noto come epistasi – tra gli alleli dei geni coinvolti nella resistenza. “Con nostra sorpresa, su un substrato senza antibiotici i batteri dotati di resistenza a due farmaci hanno, inaspettatamente, un tasso di sopravvivenza più alto di quanto atteso, mostrando che tale caratteristica ha un costo biologico limitato”. Ancora più sorprendente è il fatto che in alcune combinazioni i batteri con doppia mutazione a due dati antibiotici sopravvivano ancora meglio che nel caso di una sola mutazione: in definitive il peggiore scenario dal punto di vista sanitario è quello di maggior successo per il batterio.

Lo studio fornisce così una prima importante indicazione dell’importanza dell’interazione genetica tra diversi alleli nella determinazione della resistenza agli antibiotici da parte dei batteri che potrebbe avere notevoli implicazioni per le strategie terapeutiche che occorre mettere in atto per ovviare ai rischi della multiresistenza.



Le Scienze – L’Espresso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi