Diabete di tipo 2: con la dieta …

Il diabete di tipo 2, qu…

Malaria: identificato marcatore …

Identificato un marcator…

Cardiologia: alte dosi di statin…

Le statine in alte dosi r…

neurochirurgia spinale percutane…

E' ora possibile ripara…

Epatite B: dal 21 maggio test gr…

Campagna in sei lingue pe…

Riprendere peso ed effetto yoyo:…

Una sola proteina, la ver…

Fecondazione: nuovo metodo per i…

Si chiama "Istone H2AX" e…

Obesita': statistiche trovano ba…

[caption id="attachment_8…

Mese dell’Ortopedia e della Trau…

Cosa fare in caso di trau…

Test prenatale del sangue, per e…

Un nuovo test di laborato…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I CARBOIDRATI AGISCONO COME ONCOSOPPRESSORI

Contro il cancro alla mammella e alla prostata un aiuto arriva dai carboidrati. Ad avere proprieta’ onco-soppressive, in particolare, sono i glicani, ovvero i polisaccaridi (carboidrati complessi) che insieme alle proteine presenti nelle membrane cellulari costituiscono le glicoproteine. La scoperta dei ricercatori del Burnham Institute for Medical Research di La Jolla in California (Usa), pubblicata su PNAS, e’ stata riportata da Biotech.com, l’agenzia stampa di Assobiotec (Associazione italiana sviluppo biotecnologie).


Lo studio ha mostrato che i glicani giocano un ruolo critico nell’adesione cellulare in cellule sane: la loro presenza causa infatti una forte diminuzione, e in alcuni casi addirittura la perdita, di quei meccanismi che inducono le cellule tumorali e metastatiche alla migrazione invasiva. Tutto dipende dall’aumento dell’espressione dell’enzima (a3GnT1) che porta alla produzione di questi glicani, risultato associato a una significativa riduzione dell’attivita’ tumorale. Lo studio, spiegano gli autori, fornisce la chiave per comprendere il ruolo giocato da questi importanti carboidrati nella progressione tumorale, aprendo nuove strade allo sviluppo di trattamenti mirati.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi