Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Igiene orale e capacità cognitive: sempre piu’ fondate le prove della stretta connessione

Tanti studi hanno provato un collegamento tra la salute della bocca e delle gengive e quella del cuore, ma lo stesso legame e’ valido per le funzioni cognitive e la memoria? Secondo il National Institutes of Health americano e’ possibile: l’istituto ha concesso un finanziamento di 1,3 milioni di dollari a una equipe interdisciplinare che condurra’ una ricerca per chiarire se e come l’igiene orale influisca sulla salute della mente. A coordinare lo studio sara’ il Dr. Bei Wu, gerontologo della University of North Carolina a Greensboro, analizzando studi a livello nazionale e regionale su migliaia di soggetti. Mentre la ricerca scientifica ha stabilito una forte associazione tra la salute della bocca e le malattie cardiache, l’ictus, il diabete e anche l’Alzheimer, finora pochi studi hanno indagato la correlazione tra la salute di denti e gengive e la funzionalita’ mentale negli anziani, fa notare il Dr. Richard Crout, esperto in malattie gengivali della West Virginia University School of Dentistry a Morgantown, che prendera’ parte alla nuova ricerca. L’anno scorso, i Dr. Wu e Crout insieme ad altri colleghi hanno rilevato un legame tra una scarsa igiene orale e un peggioramento delle funzioni cerebrali negli anziani.


Lo studio e’ ancora in corso e coinvolge 273 pazienti della West Virginia sottoposti a test sulla funzionalita’ cerebrale, visite dentistiche e esami del sangue per rilevare la presenza di proteine indice di infiammazione che possono essere associate con una scarsa funzionalita’ cognitiva. La nuova indagine prendera’ in esame una quantita’ di dati molto maggiore, per escludere l’influenza di altri fattori come le condizioni di salute generale del soggetto o il suo status socio-economico. “Il nostro avviso e’ che da questa analisi emergera’ con forza come una buona salute della bocca sia importante anche per la salute cognitiva”, dichiara Crout.
Dallo studio potrebbero persino scaturire nuove strategie per migliorare le capacita’ cognitive curando la salute della bocca.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!