Disturbo da deficit di attenzion…

Al III Convegno AIDAI pro…

"Un respiro per la vita". Sei se…

A partire dal mese di ott…

Gli estrogeni sono il segreto de…

L’ormone sessuale femmini…

La difesa immunitaria delle zanz…

No anticorpi, no problem,…

Completato l’arruolamento dei pa…

Lo studio CAROLINA di val…

Mal di testa: non è solo un sint…

'GENI', il gruppo di rice…

Chemioterapia: impianti al palla…

Impianti metallici che p…

Aterosclerosi: accumulo di mater…

I ricercatori del NYU La…

Fecondazione: Chianciano innovat…

In Italia oltre 45.000 n…

Marijuana: potrebbe essere la mo…

E' una molecola che si ch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Colesterolo del ‘terzo tipo’ minaccia la salute a tavola

Si nasconde in cibi fritti e alimenti industriali, soprattutto nei prodotti da fast-food. A minacciare il cuore arriva il colesterolo ‘del terzo tipo’: si chiama ossicolesterolo e, più ancora dell’ormai noto colesterolo ‘cattivo’ Ldl (opposto al ‘buono’ Hdl), aumenta i livelli totali di grasso nel sangue e favorisce la formazione di ‘tappi’ nelle arterie. A mettere in guardia gli amanti del cibo spazzatura sono gli scienziati cinesi che negli Usa, al meeting dell’American Chemical Society, hanno presentato uno studio sul nuovo nemico a tavola.

Gli addetti ai lavori sanno da tempo che l’ossidazione dei grassi produce l’ossicolesterolo. Una sostanza che spesso le aziende alimentari producono intenzionalmente sotto forma di acidi grassi cosiddetti ‘trans’ o di oli vegetali parzialmente idrogenati, utilizzati per migliorare consistenza, sapore e stabilità dei cibi lavorati. La ricerca firmata dal gruppo di Zhen-Yu Chen della Chinese University di Hong Kong, però, è una delle prime che confronta gli effetti dell’ossicolesterolo e del colesterolo non ossidato sui livelli complessivi di colesterolo nel sangue.

Ebbene, in un esperimento sui criceti gli scienziati del Dragone hanno dimostrato che una dieta ricca di ossicolesterolo, rispetto a un’alimentazione con colesterolo non ossidato, aumenta i livelli di colesterolo totale del 22%. Con tutti i relativi pericoli per le arterie: le ‘autostrade del sangue’ perdono elasticità, avverte Chen, e rischiano ‘blocchi’ che possono provocare infarti e ictus.

La ricetta cinese per contrastare gli effetti del colesterolo del terzo tipo? Fare il pieno di antiossidanti, riempiendo il piatto di frutta, verdura, pesce, cereali, erbe e spezie alleate di salute.

ADNKronos

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi