Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

Un terzo delle donne con vescica…

[caption id="attachment_9…

Disfunzione erettile: parte la c…

In Italia ne soffrono 3 m…

Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Staminali contro Sclerosi multip…

[caption id="attachment_7…

29 OTTOBRE 2012 VIII GIORNATA MO…

 Allarme ictus - incremen…

Chip terapeutici, che si dissolv…

Costruiti con componenti …

L'impulso della vista nell'Idra,…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali: in arrivo una…

Nuovi farmaci, frutto del…

Anche 'in vitro' gli embrioni va…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovo metodo di coltura delle staminali

Scoperto un nuovo metodo per trasformare cellule staminali in cellule della pelle senza inserire geni al loro interno. In questo modo, i rischi associati alla presenza di nuovi geni o virus nelle cellule vengono meno. La tecnica e’ stata sviluppata da un team di ricercatori del Worcester Polytechnic Institute (Stati Uniti), Life Sciences and Bioengineering Center e della CellThera, una compagnia privata.
Il loro studio, pubblicato sulla rivista Cloning and Stem Cells, promette di aprire la strada a nuovi approcci nelle terapie della pelle senza i rischi della riprogrammazione genetica. “Manipolando semplicemente le condizioni di crescita delle cellule da trapiantare – hanno spiegato i ricercatori – possiamo ottenere dei cambiamenti utili per la terapia, cambiamenti specifici per ogni paziente”. Modificando i livelli di ossigeno nel terreno di coltura delle cellule staminali, i ricercatori sono riusciti ad attivare dei geni gia’ presenti nelle cellule. “Questi geni sono capaci di riportare le cellule ad uno stato pluripotente, ma normalmente devono essere inseriti nel genoma, coi rischi che ne derivano”, hanno detto i ricercatori. “Col nostro metodo, invece, siamo riusciti ad attivare le copie gia’ esistenti e dormienti, e le cellule sono passate allo stato pluripotente”. La riprogrammazione delle cellule staminali tramite questa tecnica potrebbe servire nei trapianti e nella cura dei traumi della pelle.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi