Altroconsumo: le nuove pillole a…

[caption id="attachme…

Emicrania: legata ad una mutazio…

Identificata una muta…

Diabete di tipo 2: la Commission…

·         Empagliflozin…

Allarme “neuro-recessione”: il 6…

DAL 22 AL 25 OTTOBRE A TO…

Cancro: identificata molecola ch…

Identificata una molecola…

Sindrome premestruale: il Ferro …

Assumere ferro potrebbe …

Addio agli occhiali con il laser…

Busto Arsizio (VA), giugn…

Terapia steroidea in artrite reu…

Il nuovo sistema a rilasc…

Infarto: un nuovo e sensibilissi…

La nuova metodica ha perm…

LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un virus dietro le cause di un tumore alla pelle

Roma, 31 lug. – Un virus potrebbe essere tra le cause del carcinoma squamoso della pelle. Questo tipo di cancro, piuttosto comune e facilmente curabile, potrebbe avere tra i suoi fattori scatenanti un virus scoperto di recente. Lo ha rivelato una ricerca condotta dagli scienziati dell’Ohio State University Comprehensive Cancer Center, del James Cancer Hospital e del Solove Research Institute.


La scoperta e’ stata pubblicata sul Journal of Investigative Dermatology. “Il virus e’ stato scoperto per la prima volta lo scorso anno in una forma piu’ aggressiva e rara di cancro alla pelle, il carcinoma di Merkel”, ha spiegato Amanda E. Toland, virologa a capo dello studio. “Pensavamo che il virus causasse solo questa forma di cancro, ma abbiamo scoperto che e’ implicato anche nel carcinoma squamoso”.

I ricercatori hanno infatti individuato la presenza del virus (famiglia polyoma) nei campioni di pelle di pazienti affetti da carcinoma squamoso, e il virus era anche stato capace di mutare per integrare il proprio Dna all’interno di quello delle cellule ospite. “Questa e’ una prova indiretta del del fatto che il virus ha un ruolo nello sviluppo di questo cancro”, ha detto Toland. “Il prossimo passo e’ scoprire come esso sia capace di integrarsi nel Dna delle cellule ospite.

Se scoprissimo con certezza che il virus causa il cancro e che e’ molto comune, forse sarebbe il caso di cominciare a compiere degli screening sulla popolazione”, ha concluso.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi