Caffe' e bevande gassose: lunga …

[caption id="attachment_7…

Scoperta proteina che riattiva g…

I ricercatori della Divis…

Cervello: una sostanza chimica p…

Una sostanza chimica trov…

Molecole per fermare i prioni

Nuovi polimeri auto-illum…

Te' verde: sempre più numerosi g…

[caption id="attachment_3…

Risolta la struttura del coleste…

La struttura del colester…

Leucemia: Emma guarisce con cell…

Il sistema immunitario de…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Screening? Yes, weekend! Un 8 ma…

In occasione della Festa …

Allergie: occhio a quelle "nasco…

Per i pazienti allergici …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIRC: Pronto il bando per cinque nuovi studi – l’iniziativa grazie ai proventi del cinque per mille

AIRC

AIRC

Pagare le tasse fa bene alla salute. Lo dimostra l’esperienza dell’Associazione italiana ricerca cancro (Airc), che grazie ai proventi del cinque per mille della dichiarazione dei redditi finanzierà 3-5 progetti specifici per dare «benefici tangibili» ai malati di cancro.


A destinare all’Airc il proprio cinque per mille nel 2007 (anno fiscale 2006) sono stati 800 mila contribuenti, per un totale di circa 32 milioni di euro. «Già nel 2008 – ha spiegato oggi il presidente Airc Piero Sierra, nel presentare il programma dei finanziamenti – abbiamo deciso di utilizzare nove milioni per completare il finanziamento di tutti quei progetti giudicati eccellenti fra gli oltre 800 presentati nel bando di ricerca di quell’anno». Per i rimanenti 23 milioni, a cui si aggiungeranno le somme derivanti dal cinque per mille degli anni fiscali 2007 e 2008, l’associazione ha pensato di creare un apposito bando che finanzierà i 3-5 progetti più meritevoli, con 15 milioni di euro l’anno per cinque anni.


Il bando partirà il 5 ottobre, e raccoglierà tutti i progetti che vanno «dal laboratorio al letto del paziente» in campo oncologico. Questi dovranno avere «un obiettivo concreto e certo – spiega l’Airc – raggiungibile entro 5 anni, e non soltanto una dichiarazione d’intenti». Per selezionare le proposte verrà utilizzato il metodo della ’peer-review’, nel quale 12 ricercatori stranieri indipendenti valuteranno i diversi progetti per selezionare i dieci migliori. A questi ultimi verrà chiesto di preparare una proposta di ricerca più dettagliata, che verrà di nuovo valutata in peer-review per scegliere i 3-5 da finanziare. «Questo programma – ha commentato Pier Paolo Di Fiore, ricercatore Ifom e membro del comitato Airc che ha elaborato il bando – darà priorità a quelle proposte che prevedono l’ingaggio di medici-scienziati impegnati a tempo pieno nel progetto, in laboratorio e in corsia. Airc punta sulla formazione di una nuova classe di oncologi molecolari clinici che si dividano tra la ricerca e il letto del paziente, traducendo i benefici delle scoperte di laboratorio in rimedi efficaci». I risultati definitivi del bando dovrebbero essere disponibili il 30 aprile 2010 e i progetti, conclude l’Airc, «saranno subito finanziati».

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!