Peste: il bacillo si può rilevar…

Diagnosticare la pres…

Malattie rare: nuovo trial per l…

Dopo il recente annuncio …

Dopamina: neurotrasmettitore tra…

Pigri e svogliati o lavor…

Cancro alla prostata: un enzima …

[caption id="attachment_5…

A Ferrara studio sulla rete dei …

[caption id="attachment_7…

Una pillola che ci convincerà ch…

Scoperta americana. Il co…

Autismo: diagnosi da un gene che…

Un gene che determina i…

Atassia di Friedrich, al via spe…

Parere favorevole dell’AI…

Tessuto osseo, ottenuto da cellu…

Scienziati del Biomed…

Per la prima volta in Basilicata…

ALL’ IRCCS CROB DI RIONER…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto un gene che rafforza il sistema immunitario

Cellule del cancro al colon (dal Daily Mail)

Cellule del cancro al colon (dal Daily Mail)

Londra, 14 set. – Una equipe di scienziati britannici ha scoperto un gene fondamentale che aiuta a mobilitare il sistema immunitario per combattere le malattie. Il gene in questione spinge le cellule staminali del sangue nel midollo osseo a trasformarsi in cellule immunitarie cosiddette “Natural Killer” (NK). Le cellule NK, quando funzionano adeguatamente, sono un tipo di globuli bianchi fondamentali per la difesa immunitaria, capaci di uccidere rapidamente cellule tumorali, virus e batteri. La scoperta britannica ha un notevole peso, perche’ potrebbe portare a nuove tecniche per potenziare la produzione nel corpo umano di queste cellule che lo difendono dagli attacchi esterni.
Non solo. Come scrivono gli autori della ricerca sulla rivista Nature Immunology, la loro scoperta potrebbe anche aiutare a sviluppare nuove cure per il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla. Queste patologie infatti sono causate da un malfunzionamento nel sistema immunitario che lo porta ad attaccare i suoi stessi tessuti e si sospetta che cellule NK difettose abbiano un ruolo in questo meccanismo. L’equipe britannica, dell’Imperial College London, dello University College London e del Medical Research Council’s National Institute for Medical Research, una volta individuato il gene-chiave (denominato E4bp4), ha creato in laboratorio dei topi che ne sono del tutto privi. Si tratta di animali per il resto normali, ma non hanno alcuna cellula NK. Gli scienziati potranno in questo modo studiare il ruolo delle cellule NK nelle malattie auto-immuni e in alcune altre patologie, compresa l’infertilita’ femminile. L’obiettivo finale e’ sviluppare un farmaco capace di stimolare la produzione delle cellule killer che difendono il nostro organismo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi