Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al colon e farmaci biologici: tutti i numeri dal congresso.

Amplificazione gene Kras

Amplificazione gene Kras

BERLINO (22 settembre) – Due mesi di vita in più per i pazienti con tumore al colon, se trattati oltre che con la chemioterapia (da sola assicura una sopravvivenza di quattro mesi), anche con un anticorpo biologico come il panitumumab. È questa una delle novità presentate al Congresso Europeo di Oncologia (Ecco-Esmo) in corso a Berlino.

«Sono almeno sette, oggi, i farmaci attivi contro il tumore del colon metastatizzato – spiega Roberto Labianca, direttore dell’oncologia ed ematologia agli Ospedali Riuniti di Bergamo – e ogni mese si registrano progressi, piccoli e grandi passi verso la cronicizzazione della malattia.
Il tumore al colon è uno di quelli più frequenti, con 38-40 mila casi ogni anno in Italia. Qui la chirurgia è il primo passo e guarisce la metà dei pazienti, ma molto dipende dallo stadio in cui si trova il tumore: quelli al primo stadio guariscono al 99%, ma sono solo il 5% del totale. Da tempo si sta cercando di estendere a tutta Italia i programmi di screening, per far salire quel 5% intervenendo in maniera sempre più precoce».

Dove la chirurgia non basta, per i tumori che hanno già interessato i linfonodi c’è la chemioterapia. «Se un tumore del colon metastatizza – spiega l’oncologo – la sopravvivenza media è di 5-6 mesi senza alcun trattamento. La chemioterapia ha portato questo tempo medio di vita a 2 anni (con punte di 3-4 anni). E in questa fase si inseriscono 3-5 linee di terapia: panitumumab usato da solo come terza linea di trattamento ha aggiunto 4 mesi senza progressione della malattia».

La scoperta che un terzo dei pazienti ha il gene Kras mutato, e che per questo non risponde al farmaco, ha permesso di concentrare la terapia biologica sui restanti due terzi. Oggi uno studio di fase III mette insieme panitumumab e chemioterapici e dimostra che così la risposta al farmaco aumenta di 3 volte assicurando in media altri due mesi in più (con punte di 4-6 mesi) di libertà dalla progressione della malattia. «Mesi importanti – conclude Labianca – che permettono di tentare altre strade, di portare avanti altre terapie con l’obiettivo di controllare la malattia cronicizzandola».


Il Messaggero

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!