Dermatologia: la salute della pe…

Molte patologie cutanee, …

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

Staminali e rigenerazione di tes…

Ricercatori Ospedale Magg…

Se la celiachia fosse generata d…

Avere a che fare con dive…

Tumore al fegato: al Gemelli pri…

Il primo trattamento di …

Colesterolo: un aiuto per "sciog…

Un aiuto contro il colest…

Superbatteri: una mina per tutti…

La piaga dei batteri resi…

Aprile è il mese della prevenzio…

o   Parola d’ordine: temp…

Sindrome di Down: dalla natura u…

Uno studio biochimico del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Individuato il gene antenato del cancro nell’uomo

myc, il sequenziamento

Individuato per la prima volta il gene primitivo responsabile dello sviluppo e della crescita dei tumori: si chiama ”Myc”, ed e’ stato scovato dai ricercatori dell’Universita’ di Innsbruck, in Austria. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista internazionale Pnas-Proceedings of the National Academy of Sciences.

Biochimici e biologi dello sviluppo hanno riportato indietro nel tempo di 600 milioni di anni un gene gia’ noto per essere implicato nello sviluppo del cancro negli esseri umani.

”Invecchiato” di 600 milioni di anni, il gene si e’ modificato nell’oncogene ”Myc” (l’oncogene e’ un gene modificato che interviene nello sviluppo tumorale e aumenta le possibilita’ che lo sviluppo di una cellula si diriga in senso tumorale), a sua volta individuato nel corredo genetico di in un particolare polipo di acqua dolce ancora esistente.

I ricercatori hanno dimostrato che questo oncogene ha funzioni biochimiche simili in tutti gli esseri viventi del regno animale: lo sviluppo delle neoplasie dipenderebbe da una sua deregolamentazione.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi