Cellule "Pac-Man" per divorare i…

Un gruppo di ricercatori…

Malattia di Krabb: nuove strateg…

[caption id="attachment_1…

Acidi grassi omega-3 per miglior…

Bassi livelli di acidi gr…

Speranze dal primo trapianto di …

[caption id="attachment_6…

Malattia di Huntington: individu…

[caption id="attachme…

Diabete: livelli glicemici nei r…

Misurare i livelli glicem…

A Rho F@RE Diversamente: quando …

Una realtà informale, rel…

Cellule staminali ringiovanite p…

[caption id="attachme…

Avastin-Lucentis: due nomi, stes…

''Risolta nel giro di un …

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La FDA si pronuncia, con limitazioni, contro test disgnostici a rischio radiazioni

La Food and drug administration (Fda) si e’ impegnata a ridurre i livelli di radiazioni ‘non necessarie’ a cui vengono sottoposti molti pazienti nel corso di test diagnostici sempre piu’ diffusi. A questo scopo la Fda ha annunciato oggi che richiedera’ ai produttori di macchinari per la ‘tac’ e altre analisi radiologiche o di medicina nucleare di includere nei loro strumenti rigidi meccanismi di controllo sulla sicurezza, che prevengano appunto l’emissione di radiazioni eccessive.


Gli esperti di salute pubblica del governo Usa stanno inoltre mettendo a punto una serie di nuove misure che attestino la qualita’ dei servizi radiologici offerto da ospedali, cliniche o laboratori privati: se queste istituzioni non seguiranno i nuovi criteri perderanno la loro licenza. Secondo gli ultimi dati il livello di esposizione a radiazioni dell’americano medio e’ raddoppiato dagli anni Ottanta ad oggi e soprattutto a causa del ricorso alle ‘tac’: le radiazioni per analisi mediche rappresentano oggi la meta’ delle radiazioni a cui la popolazione americana e’ sottoposta, in passato rappresentavano solo un sesto.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!