Alla ricerca di recenti mutazion…

Due nuovi studi dimostran…

Sarcoma di Ewing: proteina chiav…

[caption id="attachment_5…

Fratture vertebrali in aumento, …

L'indebolimento della str…

Fecondazione "in vitro": nasce i…

E' nato in Inghilterr…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cervello: mappata la rete neural…

Le mappe complete di esp…

Chemioterapia: quando una moleco…

[caption id="attachment_9…

Progetto UE per individuare batt…

[caption id="attachment_…

Le cellule responsabili della ma…

[caption id="attachme…

Ansia e sedentarietà: due stati …

La sedentarietà non fa so…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La FDA si pronuncia, con limitazioni, contro test disgnostici a rischio radiazioni

La Food and drug administration (Fda) si e’ impegnata a ridurre i livelli di radiazioni ‘non necessarie’ a cui vengono sottoposti molti pazienti nel corso di test diagnostici sempre piu’ diffusi. A questo scopo la Fda ha annunciato oggi che richiedera’ ai produttori di macchinari per la ‘tac’ e altre analisi radiologiche o di medicina nucleare di includere nei loro strumenti rigidi meccanismi di controllo sulla sicurezza, che prevengano appunto l’emissione di radiazioni eccessive.


Gli esperti di salute pubblica del governo Usa stanno inoltre mettendo a punto una serie di nuove misure che attestino la qualita’ dei servizi radiologici offerto da ospedali, cliniche o laboratori privati: se queste istituzioni non seguiranno i nuovi criteri perderanno la loro licenza. Secondo gli ultimi dati il livello di esposizione a radiazioni dell’americano medio e’ raddoppiato dagli anni Ottanta ad oggi e soprattutto a causa del ricorso alle ‘tac’: le radiazioni per analisi mediche rappresentano oggi la meta’ delle radiazioni a cui la popolazione americana e’ sottoposta, in passato rappresentavano solo un sesto.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi