Disfunzione erettile: 3 milioni …

Vive il proprio disagio c…

Il daltonismo trattato con terap…

[caption id="attachme…

Cancro: scoperti i geni nemici d…

[caption id="attachme…

Albumina nelle urine: predittiva…

[caption id="attachment_8…

Apnee notturne possono rappresen…

Fatica a respirare du…

Rilpivirina è stata approvata in…

Beerse, Belgio, 28 No…

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Ultrabatteri: i ceppi resistenti…

Invulnerabili a quals…

Cannabis (THC) in monoterapia no…

La cannabis non e' effica…

Integratori contenenti il DMA po…

Se contengono dimetilam…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: studio su spugne marine determinante nella comprensione del male

una Styela

Potrebbe venire dai tunicati, una specie di spugna marina invertebrata, un passo decisivo nella comprensione dello sviluppo dell’Alzheimer e nei test di possibili farmaci. Secondo due ricercatori dell’Universita’ di San Diego questo invertebrato, che ha l’80 per cento del DNA simile a quello umano, e’ infatti un perfetto incubatore della malattia, e il suo utilizzo nei test potrebbe far superare le principali difficolta’ in questo senso, prima fra tutte l’estrema lentezza con cui la malattia si manifesta nei modelli animali.

Mike Virata e Bob Zeller, che hanno pubblicato lo studio su Disease Models & Mechanisms, sono partiti dall’osservazione che i tunicati, che sono considerati gli organismi invertebrati piu’ vicini all’uomo, hanno tutti i geni ‘necessari’ a far sviluppare l’Alzheimer. Una volta introdotta nei tunicati una proteina mutata che nell’uomo e’ alla base dello sviluppo delle placche all’origine di questa malattia, i ricercatori hanno effettivamente notato in solo un giorno lo sviluppo della malattia nel cervello degli invertebrati, connessa a problemi nel comportamento. Una volta trattati con un farmaco sperimentale anti-placche gli animali sono tornati normali. “E’ una novita’ fondamentale – hanno spiegato gli autori – perche’ tutti i modelli sviluppati in precedenza negli invertebrati non davano luogo alle placche, mentre nei vertebrati queste si formano in diversi mesi. Ora c’e’ uno strumento per testare i farmaci rapidamente”.
AGI  -Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!