Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Una Farmacopea con meno burocraz…

L’Istituto Superiore di…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Dolore: i medici potranno sentir…

L'arma segreta dei grandi…

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La risposta distruttiva della salmonella contro le cellule neoplastiche

Le salmonelle sono in grado di migrare all’interno dei tumori solidi e distruggerli. E’ il risultato di una ricerca realizzata dal Centro di ricerca Helmholtz per le infezioni a Brunswick, in Germania e pubblicata da Public Library of Science (PLoS) One. Lo studio, finanziato dai progetti europei Clinigene e Miditrain, ha evidenziato che i batteri sono capaci di attaccare e distruggere il tessuto maligno grazie ad una sostanza messaggero chiamata TNF-alpha (tumour necrosis factor alpha). L’aumentata permeabilita’ dei vasi sanguigni, dovuta alla malattia, permette al sangue di infiltrare il tessuto maligno, distruggendo il tumore. La TNF-alpha e’ prodotta dalle cellule immunitarie quando viene riconosciuta la salmonella.

Questo stimola l’attivazione di altre cellule immunitarie, aumenta la permeabilita’ dei vasi sanguigni e la TNF-alpha riesce a dirigersi verso il tessuto canceroso, perche’ i vasi sanguigni malati sono porosi e a volte sono vicoli ciechi.

Secondo Sara Bartels e Siegfried Weiss, curatori dello studio, sarebbe necessaria soltanto una piccola quantita’ di TNF-alpha per indebolire le pareti dei vasi sanguigni nel tumore e permettere al sangue di fluire nel tessuto malato. In passato altre ricerche avevano individuato dei batteri capaci di attaccare i tumori ma il loro utilizzo non era mai stato preso in considerazione per il timore che i pazienti sarebbero potuti morire a causa dell’infezione. ”Ora possiamo tentare di manipolare questi batteri – ha detto Bartles – per usarli nella terapia del cancro, evitando di causare infezioni mortali” anche se ”forse occorreranno anni prima che il metodo potra’ essere applicato sull’uomo”, ha aggiunto Weiss.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!