Maculopatia senile: scoperto il …

Ricercatori dell'Universi…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Depressione: killer subdolo dell…

La depressione e' un kill…

Grazie ai cani si capisce una ra…

[caption id="attachment_1…

Ustioni: cellule staminali embri…

Cellule staminali embrion…

In Italia, complice l’arrivo del…

Per la Società Italiana d…

Artrite Reumatoide: farmaci inno…

Nuove terapie per i pazie…

3a GIORNATA DI SENSIBILIZZAZIONE…

Roma, 1° ottobre 2012…

La proteina promoter dell'incont…

Il recettore delle cellul…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori prostatici: dimostrato legame con metaboliti estrogenici

L’alto livello di un metabolita estrogenico negli uomini può indicare un maggior rischio di sviluppare il cancro alla prostata, mentre alcuni metaboliti estrogenici considerati pericolosi per lo sviluppo del tumore al seno sarebbero protettivi per la neoplasia alla prostata. Questa è la conclusione a cui è giunto uno studio del Georgetown Lombardi Comprehensive Cancer Center (Washington, Usa) guidati da Ourania Kosti presentato nel corso del 101° American Association for Cancer Research Annual Meeting 2010. Un rapporto complesso e ancora non definito, quello tra estrogeni e prostata, alla cui comprensione i ricercatori americani hanno cercato di aggiungere un nuovo tassello.

Il metabolita è un prodotto del processo del metabolismo: dopo che determinate sostanze – in questo caso gli estrogeni – sono state assimilate dall’organismo, subiscono un processo di trasformazione chimica che le rende più facilmente assorbibili, e si tramutano in metaboliti.

Gli studiosi hanno misurato i livelli degli estrogeni e dei metaboliti estrogenici nelle urine di 77 uomini con carcinoma della prostata, di 77 soggetti sani e di 37 uomini sottoposti a biopsia ma risultati liberi da malattia. Dalla ricerca è emerso che il livello dei 15 estrogeni e dei metaboliti analizzati nelle urine degli uomini malati di cancro alla prostata erano molto simili ai livelli dei pazienti sani, con l’eccezione del metabolita 4-OHE1, risultato in quantità maggiore nei soggetti malati. “Lo scopo del nostro studio era quello di valutare l’uso dei metaboliti estrogenici come marker per il rischio di cancro alla prostata – spiega Kosti -. E uno di questi metaboliti sembra essere più abbondante tra gli uomini con diagnosi di cancro alla prostata”.

Kosti dice che la sua squadra ha anche osservato che alcuni metaboliti estrogenici considerati ‘nocivi’ per il tumore al seno (16-KE2 e 17-epiE3) vengono secreti in quantità elevate tra i soggetti sani e in minore quantità in quelli con cancro alla prostata: “Questo suggerisce che alcuni estrogeni possono avere un ruolo protettivo contro lo sviluppo del cancro alla prostata – spiega Kosti -. Ma è anche possibile che diversi tessuti rispondano agli estrogeni in modo differente. Pertanto, il ruolo potenziale di 16-KE2 e 17-epiE3 nella prevenzione del carcinoma alla prostata deve essere ulteriormente studiato”. (ASCA)

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Sergio Stagnaro Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Sergio Stagnaro
Ospite
Sergio Stagnaro

Il Tumore della Prostata colpisce esclusivamente individui positivi per il Terreno Oncologico “e” per il TO-dipendente, Reale Rischio CONGENITO, diagnosticabili con un FONENDOSCOPIO! Due sole citazioni bibliografiche facilmente consultabili : 1)Stagnaro Sergio. Bed-Side Prostate Cancer Detecting, even in early stages (“Real Risk” of Cancer): BMC Family Practice,2005, 6:24 doi:10.1186/1471-2296-6-24 http://www.biomedcentral.com/1471-2296/6/24/comments#202466; 2) Stagnaro Sergio. Bedside diagnosing prostate cancer inherited oncological real risk and its therapy. Annals of Internal Medicine. (7 February 2008). http://www.annals.org/cgi/eletters/0000605-200803180-00209v1 Senza la conoscenza di queste condizioni patologiche, il Cancro Prostatico continuerà ad essere una EPIDEMIA in continuo aumento. Aggiungo solo che, riconosciuto alla nascita, il Reale Rischio CONGENITO,… Leggi il resto »

Archivi