L'invecchiamento è collegato al …

L'invecchiamento è una pa…

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

SLA: diagnosi precoce e certa pe…

[caption id="attachment_1…

Risparmio nel medio –- lungo ter…

RISPARMIO NEL MEDIO – LUN…

Lo strano caso del polpo con l'e…

[caption id="attachment_4…

Life-history traits may affect D…

For the first time, r…

Tumori ai polmoni: spettroscopia…

[caption id="attachment_9…

La prima volta dell'antinfluenza…

Per la prima volta l'Agen…

Alzheimer: una nuova proteina gu…

[caption id="attachme…

Salmonella ipervirulenta: dagli …

Individuato un metodo per…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Impulsività e uso di droghe: scoperto il network cerebrale responsabile

Scoperto un collegamento tra un network cerebrale associato all’impulsivita’ e l’abuso di droghe. I teenager che hanno una ridotta attivita’ in una zona frontale del cervello hanno infatti piu’ probabilita’ di aver sperimentato con droghe, alcool e sigarette, come rivela un nuovo studio pubblicato su Nature Neuroscience. “La ridotta attivita’ cerebrale di questa zona e’ da tempo associata all’impulsitivita’.


Stranamente, non si tratta della stessa area associata ai deficit d’attenzione (ADHD)” ha spiegato Hugh Garavan dell’ University of Vermont negli Stati Uniti, neuroscienziato a capo dello studio che e’ stato effettuato su un campione di 1896 quattordicenni. “Questo ci suggerisce che l’ADHD potrebbe non essere un fattore di rischio per l’abuso di sostanze stupefacenti come si sospettava in precedenza. Questo studio ci mostra quindi come l’impulsivita’ possa derivare dall’insieme di piu’ elementi combinati in diverse zone del cervello” ha concluso Garavan.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi