Microorganismi eucarioti: scienz…

Una delle principali sfid…

Federsalus: Obesita' infantile e…

Milano, 17 gennaio 2011 -…

Mucca pazza: pronto il primo tes…

A opera di un gruppo di s…

L'aspirina riduce rischio cancro…

L'assunzione regolare di …

Melanoma: nuovo test per la diag…

Da uno studio italian…

Osteoartrite: è forte la correla…

I telomeri, le porzioni …

Psoriasi: consulenza dermatologi…

Da oggi sul portale Psori…

Cardiopatie: studi su come riatt…

[caption id="attachment_5…

ASCO 2014: presentati nuovi risu…

Merck annuncia una nuova …

Con un semplice test delle urine…

Un semplice test delle ur…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Avocado: elisir contro chili di troppo e malattie metaboliche

E’ un frutto indispensabile per chi vuole perdere peso e difendersi dalla malattie metaboliche.avocado Consumare l’avocado secondo lo studio del programma americano National Health and Nutrition Examination Survey, promosso dai Centers for disease controll and prevention (Cdc) e pubblicato sulla rivista ‘Nutrition Journal’, può migliorare la qualità della dieta e abbassare i livelli di alcuni fattori che influenzano negativamente il girovita. Consumare il frutto arricchisce l’organismo di una ricca gamma di proteine, grassi monoinsaturi e polinsaturi e di micronutrienti. E secondo i ricercatori “mangiare il frutto aiuta chi vuole perdere peso influenzando positivamente l’indice di massa corporeo (Imc) e può aiutare a mantenere bassi i livelli di colesterolo e ridurre il rischio di sindrome metabolica”.

La ricerca, condotta tra il 2001 e il 2008 su 17.567 americani con un’età maggiore di 19 anni, ha rivelato che i 347 adulti (50% donne), che hanno consumato l’avocado in ogni momento della giornata monitorato dalla ricerca, hanno fatto registrare significati livelli positivi degli indicatori di salute rispetto a chi non ha mangiato il frutto. Ovvero: il 36% in più di fibre alimentari, 23% di vitamina E, il 13% di magnesio, il 16% potassio e il 48% in più di vitamina K. Inoltre chi ha aggiunto l’avocado al regime alimentare ha avuto valori significativamente più bassi dell’Imc rispetto ai chi non l’ha consumato.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x