Un nuovo algoritmo per mappare l…

Questo nuovo algoritmo di…

E' l'entropia a determinare la p…

Ogni molecola biologicame…

Leishmaniosi: in arrivo un nuovo…

L'Unione europea sta affr…

Autismo: ideata una scala per ri…

Una scala per monitorare …

Le sorprese del primo genoma di …

[caption id="attachment_7…

Diabete di tipo 2: scoperta una …

Un gruppo di scienziati d…

I successi e traguardi scientifi…

[caption id="attachment_1…

Uno spray genetico contro un vir…

[caption id="attachment_7…

Colesterolo ridotto in media del…

[caption id="attachment_1…

AIDS: la FDA approva la prima pi…

La Food and Drug Administ…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Avocado: elisir contro chili di troppo e malattie metaboliche

E’ un frutto indispensabile per chi vuole perdere peso e difendersi dalla malattie metaboliche.avocado Consumare l’avocado secondo lo studio del programma americano National Health and Nutrition Examination Survey, promosso dai Centers for disease controll and prevention (Cdc) e pubblicato sulla rivista ‘Nutrition Journal’, può migliorare la qualità della dieta e abbassare i livelli di alcuni fattori che influenzano negativamente il girovita. Consumare il frutto arricchisce l’organismo di una ricca gamma di proteine, grassi monoinsaturi e polinsaturi e di micronutrienti. E secondo i ricercatori “mangiare il frutto aiuta chi vuole perdere peso influenzando positivamente l’indice di massa corporeo (Imc) e può aiutare a mantenere bassi i livelli di colesterolo e ridurre il rischio di sindrome metabolica”.

La ricerca, condotta tra il 2001 e il 2008 su 17.567 americani con un’età maggiore di 19 anni, ha rivelato che i 347 adulti (50% donne), che hanno consumato l’avocado in ogni momento della giornata monitorato dalla ricerca, hanno fatto registrare significati livelli positivi degli indicatori di salute rispetto a chi non ha mangiato il frutto. Ovvero: il 36% in più di fibre alimentari, 23% di vitamina E, il 13% di magnesio, il 16% potassio e il 48% in più di vitamina K. Inoltre chi ha aggiunto l’avocado al regime alimentare ha avuto valori significativamente più bassi dell’Imc rispetto ai chi non l’ha consumato.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi