Sindrome di Beckwith-Wiedemann: …

Luce sui meccanismi alla …

Proteine: il percorso che le por…

Identificato un percorso…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Il rame per combattere le infezi…

Alcuni ricercatori nel Re…

Cellule staminali: scoperta una …

Le cellule staminali potr…

Test farmaci antimicrobici ideal…

[caption id="attachme…

Terapia ormonale sostitutiva, pr…

La terapia ormonale s…

Euromelanoma Day 2011: lunedi' 1…

Le donne sopravvivono meg…

Trapianto di reni: migliori gli …

Rispetto a lunghe e frequ…

Per le malattie coronariche pros…

Nei pazienti colpiti da i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I benefici dell’uva ai reni

L’uva potrebbe essere un’arma importante nella lotta contro le malattie renali causate da una dieta ricca di grassi.kidney L’estratto dal seme dell’acino dell’uva potrebbe servire per trattare e prevenire l’obesita’ indotta dai danni ai reni, secondo uno studio comparso sulla rivista ‘Applied Physiology, Nutrition and Metabolism’ e condotto dal Laboratory of Bioactive Substance at the Center of Biotechnology di Borj-Cedria, Tunisia.


Si sa che gli estratti dai semi dell’acino (Gsse) contengono potenti antiossidanti. Gli scienziati hanno esaminato gli effetti del Gsse tratto da un cultivar di uva (‘Carignan’) di Vitis vinifera dal nord Tunisia sui topi. Quando gli animali, che avevano problemi ai reni indotti da una dieta ad alto contenuto di grassi, ricevevano una dose di estratto che corrisponde a 35 grammi/g per 70 chili di un adulto umano, si verificava una parziale inversione del deposito dei trigliceridi. Secondo gli scienziati i polifenoli, incluso il resveratrolo, erano responsabili dei benefici effetti positivi del Gsse.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x