Verso un test delle urine per st…

[caption id="attachment_7…

HIV: 14 basi in meno in una spec…

[caption id="attachme…

Menisco: non necessaria chirurgi…

La chirurgia non e' una …

Telethon: scoperto nuovo gene as…

Identificato il gene resp…

Epstein-Barr e Sclerosi multipla…

Uno studio della Fondaz…

Da cellule adulte a staminali: c…

[caption id="attachment_6…

Malattia di Huntington: individu…

[caption id="attachme…

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

Prosegue il dibattito sulle tema…

All’XI International Bien…

Remunerazione delle farmacie: la…

Roma, 16 gennaio 2013 – “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I benefici dell’uva ai reni

L’uva potrebbe essere un’arma importante nella lotta contro le malattie renali causate da una dieta ricca di grassi.kidney L’estratto dal seme dell’acino dell’uva potrebbe servire per trattare e prevenire l’obesita’ indotta dai danni ai reni, secondo uno studio comparso sulla rivista ‘Applied Physiology, Nutrition and Metabolism’ e condotto dal Laboratory of Bioactive Substance at the Center of Biotechnology di Borj-Cedria, Tunisia.


Si sa che gli estratti dai semi dell’acino (Gsse) contengono potenti antiossidanti. Gli scienziati hanno esaminato gli effetti del Gsse tratto da un cultivar di uva (‘Carignan’) di Vitis vinifera dal nord Tunisia sui topi. Quando gli animali, che avevano problemi ai reni indotti da una dieta ad alto contenuto di grassi, ricevevano una dose di estratto che corrisponde a 35 grammi/g per 70 chili di un adulto umano, si verificava una parziale inversione del deposito dei trigliceridi. Secondo gli scienziati i polifenoli, incluso il resveratrolo, erano responsabili dei benefici effetti positivi del Gsse.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi