Prezzo basso per il sequenziamen…

[caption id="attachme…

Scoperti nuovi marcatori genetic…

[caption id="attachme…

Risolta la struttura del coleste…

La struttura del colester…

Malaria: nuova tecnica per preve…

Una nuova tecnica di prec…

Tumori e alimentazione: le propr…

[caption id="attachment_5…

Nuovi biomarcatori per una diagn…

[caption id="attachment_7…

L'ormone ossitocina: stimola l'a…

L'ossitocina, ormone resp…

CANCRO: LA "METFORMINA" RIVOLUZI…

[caption id="attachment_1…

Cancro: nuove varianti genetiche…

Una maxi ricerca intern…

(Salute 24) Ipertiroidismo o ipo…

Estate, una stagione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I benefici dell’uva ai reni

L’uva potrebbe essere un’arma importante nella lotta contro le malattie renali causate da una dieta ricca di grassi.kidney L’estratto dal seme dell’acino dell’uva potrebbe servire per trattare e prevenire l’obesita’ indotta dai danni ai reni, secondo uno studio comparso sulla rivista ‘Applied Physiology, Nutrition and Metabolism’ e condotto dal Laboratory of Bioactive Substance at the Center of Biotechnology di Borj-Cedria, Tunisia.


Si sa che gli estratti dai semi dell’acino (Gsse) contengono potenti antiossidanti. Gli scienziati hanno esaminato gli effetti del Gsse tratto da un cultivar di uva (‘Carignan’) di Vitis vinifera dal nord Tunisia sui topi. Quando gli animali, che avevano problemi ai reni indotti da una dieta ad alto contenuto di grassi, ricevevano una dose di estratto che corrisponde a 35 grammi/g per 70 chili di un adulto umano, si verificava una parziale inversione del deposito dei trigliceridi. Secondo gli scienziati i polifenoli, incluso il resveratrolo, erano responsabili dei benefici effetti positivi del Gsse.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!