Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Diabete: quasi all'epilogo della…

[caption id="attachment_5…

Autismo: test accurato per rilev…

Neuroscienziati canades…

Ictus: nelle donne quattro ore c…

Le donne che camminano al…

Non tutto il male viene per nuoc…

Roma, 25 febbraio 2015 – …

Merck Serono Leader nell’Innovaz…

·         La nuova ve…

1 aprile 2016: SECONDA GIORNATA…

Torna la 2° edizione dell…

Rapine nelle farmacie: un fenome…

Roma, 1° agosto 2013 - “D…

Merck Serono completa l'arruolam…

Lo studio valuterà la …

Con microfibre laser e integrita…

6th International Meeting…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: nei casi ereditari si ritrova una proteina specifica


Scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno misurato una significativa differenza fra i cervelli di pazienti con una forma ereditaria di Alzheimer e quelli dei membri in salute della famiglia che non sono portatori della malattia.alzheimer Come si legge sulla rivista ‘Science Translational Medicine’, gli scienziati hanno scoperto che i partecipanti allo studio con mutazioni genetiche che causano la comparsa di sintomi precoci della malattia avevano circa il 20 per cento in piu’ di una specifica forma di proteina beta amiloide, la beta amiloide 42, rispetto agli altri membri ella famiglia che non avevano la mutazione. “I risultati suggeriscono che dovremmo concentrarci sulla proteina beta amiloide 42, con i farmaci per l’Alzheimer”, ha commentato Randall Bateman, fra gli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi