Bevanda in grado di ricreare ben…

Potrebbe rappresentare la…

DNA frammentato che ci ha resi u…

La parziale disattivazion…

Terapia genica per curare retini…

[caption id="attachment_8…

AboutPharma Digital Awards 2014:…

Assegnati ieri sera gli A…

Stomaco 'comunica' col cervello …

Le nostre risposte alla p…

Prosegue nel segno della continu…

 L’IRCCS milanese smentis…

Superbatteri: nuova molecola a f…

Potrebbe far compiere not…

Epatite C: la scoperta di intera…

La scoperta del ruolo chi…

Il biosimilare in Italia è un’oc…

Roma, 25 giugno 2015 - “L…

La "luce in fondo al tunnel" del…

Circa il 20% di chi s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: nei casi ereditari si ritrova una proteina specifica


Scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno misurato una significativa differenza fra i cervelli di pazienti con una forma ereditaria di Alzheimer e quelli dei membri in salute della famiglia che non sono portatori della malattia.alzheimer Come si legge sulla rivista ‘Science Translational Medicine’, gli scienziati hanno scoperto che i partecipanti allo studio con mutazioni genetiche che causano la comparsa di sintomi precoci della malattia avevano circa il 20 per cento in piu’ di una specifica forma di proteina beta amiloide, la beta amiloide 42, rispetto agli altri membri ella famiglia che non avevano la mutazione. “I risultati suggeriscono che dovremmo concentrarci sulla proteina beta amiloide 42, con i farmaci per l’Alzheimer”, ha commentato Randall Bateman, fra gli autori dello studio.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x