Sviluppo cardiaco nell'embrione:…

Due problemi principali i…

Genomi fossili di tre miliardi d…

[caption id="attachment_1…

'Attenti alle bufale', il nuovo …

[ADUC]'Attenti alle bufal…

Al via l’iniziativa “Intollerant…

ALL IN - Associazione A…

Polipi e tumori del tratto color…

I polifenoli estratti da…

Diabete: scoperta interazione tr…

Un team di scienziati del…

I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Cancro al seno: un farmaco intel…

[caption id="attachment_6…

Legge antifumo: con la legge Sir…

DIECI ANNI DELLA LEGGE …

Reflusso gastroesofageo: necessa…

Due italiani su dieci lam…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Blefaromix: nuova “saga” di interventi mininvasivi per “rinfrescarsi” i connotati


Togliere la patina di stanchezza accumulata durante l’anno e affrontare l’estate con un’aria piu’ fresca e giovane. E’ quanto promette ‘blefaromix’, ossia l’insieme delle piu’ moderne tecniche di intervento per avere uno sguardo piu’ giovane con meno complicanze e con tempi di recupero piu’ brevi. Tanto che “alcuni interventi, se opportunamente programmati in questa stagione, permettono anche di non dover rinunciare alle attese vacanze estive”, ha spiegato Patrizia Gilardino, chirurgo estetico di Milano, socio Aicpe e Sicpre. befaroplastica-1La combinazione di queste tecniche, eseguita con approccio ‘sartoriale’ e personalizzato dal chirurgo plastico permette di ottenere ottimi risultati. E la buona notizia e’ che, se si va al mare ad agosto, non e’ troppo tardi. Lo sguardo e’ tra i primi elementi del viso che risente del passare del tempo, ma anche dello stress e delle cattive abitudini di vita come l’eccesso di alcol e il fumo. “E’ tra i primi a segnare sul nostro volto i segni dell’eta’ e della stanchezza”, ha spiegato Gilardino. “Per questo e’ anche tra le zone di maggiore interesse che vengono indicate ad un chirurgo estetico. Borse e occhiaie sono oggetto di numerose richieste da parte di chi cerca di avere un volto un po’ piu’ giovanile”, ha aggiunto il medico. La scienza viene oggi incontro alle diverse esigenze.

“La blefaroplastica si e’ differenziata molto negli ultimi anni. Se prima c’era un solo modo per intervenire che comportava anche dei periodi di recupero abbastanza lunghi – vista anche la delicatezza della parte interessata – oggi esistono diverse tecniche di intervento, nel rispetto della condizione del paziente, ma anche delle diverse esigenze che lo stesso paziente puo’ avere”, ha precisato Gilardino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi