Esercizio fisico: quando è tropp…

Due studi suggeriscono ch…

Contro il papillomavirus, il tes…

[caption id="attachme…

Hiv, informazione e responsabili…

“Più educazione sessuale …

Il ruolo particolare dell'RNA ch…

Identificata una "quinta"…

Botox: usato per curare l'emicra…

[caption id="attachment_1…

Pollini: potrebbero diventare pr…

I pollini, problema annua…

Zanzara tigre: i rischi della pu…

La fastidiosa zanzara tig…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Alzheimer: diagnosi precoce graz…

I primi sintomi dell'Alz…

La fase III dello studio GALA pu…

Gerusalemme,  Luglio 2013…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Crostacei e frutti di mare, fonte di iodio a vantaggio della tiroide


Riserva di iodio contro le malattie
A tavola contro la tiroide bisogna portare il mare: frutti di mare, crostacei, pesce in generale, persino le alghe. Tutti i cibi che provengono dalle zone di mare, quindi anche frutta e verdura coltivate in prossimità delle coste, aiutano la tiroide. Grazie allo iodio. “Respirare l’aria di mare è una leggenda metropolitana”, sfata un mito Luca Revelli, chirurgo endocrino tra gli organizzatori dell’incontro “Ambiente e tiroide, il mare, lo iodio, le radiazioni”, promosso dall’Università cattolica di Roma.

“Le quantità di iodio che possono essere inalate sono meno che omeopatiche – sottolienea -. Il cibo, dal pesce fresco ai prodotti locali coltivati su terreni costieri ricchi di iodio, invece ne sono ricchi”. Spazio quindi ai prodotti ricchi di iodio per far fronte alle malattie della tiroide, gozzo, noduli e neoplasie, in aumento in Italia. Oggi ne soffrono 6 milioni di persone e in alcune aree del Paese, non a caso quelle più distanti dal mare, si sfiora il 40% di diagnosi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x