Progetto 1000 Genomes, per compr…

[caption id="attachment_9…

Boehringer Ingelheim annuncia i …

 L’80% dei pazienti …

Lupus eritematoso - Alcuni fatto…

[caption id="attachme…

Superfarmaco antivirale - farma…

Un farmaco 'jolly' in gra…

Cellule staminali riprogrammate …

Il fegato potrebbe essere…

Crisi e malnutrizione: attenzion…

Non sostituire la frut…

Radioterapia controllata per lim…

Già in uso nella NASA, un…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Retinite Pigmentosa: oltre 250 p…

Losanna, Svizzera – 21 ge…

L'evoluzione del genere umano le…

Perdere la capacita' di s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Crostacei e frutti di mare, fonte di iodio a vantaggio della tiroide


Riserva di iodio contro le malattie
A tavola contro la tiroide bisogna portare il mare: frutti di mare, crostacei, pesce in generale, persino le alghe. Tutti i cibi che provengono dalle zone di mare, quindi anche frutta e verdura coltivate in prossimità delle coste, aiutano la tiroide. Grazie allo iodio. “Respirare l’aria di mare è una leggenda metropolitana”, sfata un mito Luca Revelli, chirurgo endocrino tra gli organizzatori dell’incontro “Ambiente e tiroide, il mare, lo iodio, le radiazioni”, promosso dall’Università cattolica di Roma.

“Le quantità di iodio che possono essere inalate sono meno che omeopatiche – sottolienea -. Il cibo, dal pesce fresco ai prodotti locali coltivati su terreni costieri ricchi di iodio, invece ne sono ricchi”. Spazio quindi ai prodotti ricchi di iodio per far fronte alle malattie della tiroide, gozzo, noduli e neoplasie, in aumento in Italia. Oggi ne soffrono 6 milioni di persone e in alcune aree del Paese, non a caso quelle più distanti dal mare, si sfiora il 40% di diagnosi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x