Sguardo limpido e occhi bianchi:…

Con qualche bistecca in m…

Boehringer Ingelheim ha presenta…

Inoltrata alle autorità e…

Terapie anti-HIV: efficaci contr…

Le attuali terapie contro…

Cellulite: in USA ok al primo tr…

Autorizzata negli Stati U…

Equivalenti e biosimilari, un bi…

Si tiene oggi a Roma il C…

Creata sostanza contro la perdit…

Gli scienziati della Yal…

Autismo: le doti particolari del…

Il cervello delle persone…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

Paracetamolo: ottimo placebo con…

Il paracetamolo non e' me…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artrite reumatoide, e le capacità del pesce di ridurne il rischio


Mangiare una porzione di pesce azzurro a settimana, secondo un nuovo studio, dimezza il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide, la malattia che col progredire attacca le articolazioni rendendole rigide, gonfie e doloranti

L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune le cui origini sono sconosciute. E’ caratterizzata da una forma di cronicità a carico di articolazioni, muscoli, tendini. E’ altresì sistemica e invalidante, tanto che chi ne è colpito spesso trova molta difficoltà nei movimenti e nella deambulazione. Si accompagna inoltre a gonfiori e dolori.artrite-reumatoide
A esserne più colpite sono le donne, rispetto agli uomini, e l’età media in cui insorge è tra i 40 e i 60 anni.

Poiché non esiste una cura definitiva per questa patologia, la prevenzione rimane ancora e sempre la forma di cura migliore. E in questa direzione va un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Annals of the Rheumatic Diseases, in cui si suggerisce che mangiare una porzione di pesce azzurro a settimana (come sgombro, salmone, alici…) può dimezzare il rischio di sviluppare la malattia.

A offrire l’effetto protettivo nei confronti dell’artrite reumatoide sarebbe i noti acidi grassi essenziali omega 3, di cui il pesce azzurro è ricco, che offrirebbero un effetto antinfiammatorio significativo.
Oggetto dello studio sono gli effetti di questi acidi grassi su oltre 32mila donne svedesi che sono state seguite per circa dieci anni, e che in questo periodo hanno consumato in media una porzione di pesce vario a settimana. Nelle donne che seguivano questa dieta si è constatata una riduzione del rischio di quasi un terzo, mentre in quelle che mangiavano nello specifico il pesce azzurro la riduzione del rischio si dimezzava – la stessa cosa avveniva se le porzioni di pesce di altro tipo arrivavano a quattro a settimana.

Lo studio, condotto dai ricercatori dell’Institute of Environmental Medicine, Karolinska Institutet, tra cui i dottori Daniela Di Giuseppe, Alice Wallin, Matteo Bottai, Johan Askling e Alicja Wolk, mostra dunque che una dieta prolungata che preveda l’assunzione di alimenti contenenti acidi grassi omega 3 sia di beneficio nella prevenzione di malattie come l’artrite reumatoide.

«Questo studio prospettico sulle donne – concludono gli autori – supporta l’ipotesi che l’assunzione di acidi grassi a catena lunga n-3 PUFA può svolgere un ruolo nell’eziologia [la causa] dell’artrite reumatoide».

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi