Il botox contro l'incontinenza u…

L’utilizzo della tossina …

Alzheimer: alla radice della mal…

[caption id="attachment_9…

I ganglii cerebrali della voraci…

I neuroni di una regione …

Angioplastica: ricercatori si ba…

Una nuova ricerca condott…

Radioterapia al cervello: nessu…

La radioterapia al cervel…

Pesce a tavola: strumento per de…

Da quando è iniziata la s…

Il Nobel per la chimica del 2011…

Daniel Shechtman, nato …

AIDS: al Bambino Gesu' prima spe…

[caption id="attachment_6…

L’FDA approva dabigatran per il …

·         Negli Stati U…

Micro RNA e le nuove terapie per…

Farmaci a base di micro-R…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: l’azione diretta su larve di zanzara ridurrebbe incidenza del 75%


Colpire i siti di riproduzione delle zanzare potrebbe incrementare notevolmente il successo degli sforzi di contenere la malaria in Africa e Asia.mosquito
L’indagine della The Cochrane, guidata dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine, e’ la prima a passare in rassegna i risultati del metodo di gestione della sorgente larvale (Lsm) per il controllo della malaria. Si tratta di una malattia che provoca ogni anno oltre 660 mila morti nel mondo.Gli scienziati, come si legge sulla rivista Cochrane Database of Systematic Reviews, hanno scoperto che questo metodo e’ in grado di ridurre significativamente sia il numero di casi di malaria fino al 75 per cento, sia la percentuale di persone infettate con il parassita di questa malattia fino al 90 per cento, quando usato in modo appropriato.

L’Lsm si rivolge ai mosquito immaturi dell’acqua prima che le femmine si sviluppino e diventino vettori della malattia. Si rimuove permanentemente l’acqua stagnante, per esempio, e si fanno modifiche temporanee dell’habitat della zanzara disturbando l’allevamento, con larvicidi, altri prodotti chimici o intervenendo sul flusso dell’acqua.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi