Tumori: tecnologia innovativa pe…

Ricercatori finanziati da…

Beta-talassemia: la terapia gen…

[caption id="attachment_8…

A Capri una due giorni di confro…

In Italia allo stato at…

L'importanza del DNA in 3D

Una nuova tecnica messa a…

Trattamento del pene curvo con c…

FIRENZE, 2017 – Sono stat…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Neuroni e sovrappeso: ecco l'ord…

[caption id="attachme…

Meningite: l'EMA autorizza il va…

L'Agenzia europea del far…

Tumori ossei: nei bambini la spe…

Utilizzare cellule stamin…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: l’azione diretta su larve di zanzara ridurrebbe incidenza del 75%


Colpire i siti di riproduzione delle zanzare potrebbe incrementare notevolmente il successo degli sforzi di contenere la malaria in Africa e Asia.mosquito
L’indagine della The Cochrane, guidata dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine, e’ la prima a passare in rassegna i risultati del metodo di gestione della sorgente larvale (Lsm) per il controllo della malaria. Si tratta di una malattia che provoca ogni anno oltre 660 mila morti nel mondo.Gli scienziati, come si legge sulla rivista Cochrane Database of Systematic Reviews, hanno scoperto che questo metodo e’ in grado di ridurre significativamente sia il numero di casi di malaria fino al 75 per cento, sia la percentuale di persone infettate con il parassita di questa malattia fino al 90 per cento, quando usato in modo appropriato.

L’Lsm si rivolge ai mosquito immaturi dell’acqua prima che le femmine si sviluppino e diventino vettori della malattia. Si rimuove permanentemente l’acqua stagnante, per esempio, e si fanno modifiche temporanee dell’habitat della zanzara disturbando l’allevamento, con larvicidi, altri prodotti chimici o intervenendo sul flusso dell’acqua.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!