IV CONVEGNO ASSOGENERICI - Gener…

I principali attori della…

Vauro per la giornata mondiale d…

..il piacere di connotare…

DNA: Ecco come due metri di dopp…

[caption id="attachment…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Cancro allo stomaco: nemico di 1…

Nemico insidioso e sotto…

Vaginosi batterica: probiotici e…

[caption id="attachment_1…

Un nuovo strumento per parlare d…

Bari, 22 novembre 2013 – …

Teva annuncia l’approvazione del…

Approvato il primo spray …

Lo stress cronico: quali geni de…

Lo stress cronico blocca …

Intervento di ablazione ventrico…

Nuovo passo avanti de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Osteoporosi: un danno per la qualità della vita delle donne e un danno per la società

Secondo un nuovo report della International Osteoporosis Foundation, le donne potrebbero aspettarsi di vivere piu’ a lungo ma la loro qualita’ della vita sara’ messa a rischio se non saranno intraprese azioni per proteggere le loro ossa dall’osteoporosi.


Le donne in post-menopausa sono le piu’ vulnerabili all’osteoporosi e alle fratture. Nel mondo, si stima che 200 milioni di donne siano colpite da osteoporosi e circa una donna su tre con oltre 50 anni soffrira’ di una frattura dovuta alla malattia.Il report “Bone care for the postmenopausal woman” fornisce soluzioni per la prevenzione e la gestione delle fratture.osteoporosi Dato che le donne di eta’ superiore ai 50 hanno un ruolo critico come badanti e capifamiglia all’interno della famiglia e della societa’, la salute delle loro ossa e’ una priorita’ per salvaguardare le generazioni future.

Nel rapporto si sottolinea che, per esempio, negli Stati Uniti, il 43 per cento delle badanti o degli infermieri sono donne di 50 anni o piu’, in Spagna il 70 per cento delle donne di eta’ superiore ai 65 anni si prendono cura dei loro nipoti per molti giorni l’anno e, in tutto il mondo, sono le donne con piu’ di 50 anni che la maggior parte delle volte si assumono l’onere della cura dei genitori anziani e dei familiari disabili o malati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi