Diabete: l'aumento di acidi gras…

I pazienti affetti da dia…

La chirurgia tra tecniche sempre…

Centinaia di chirurghi da…

Spondiloartriti: 7 diagnosi su 1…

Ben 7 pazienti su 10 …

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Diabete. Rischio di fallimento p…

Quale assistenza per il d…

Rene policistico: ridotti i casi…

I pazienti affetti da ma…

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

Infezioni polmonari: esperto con…

Asciugare il bucato in ca…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

L'importanza del medico di medic…

L’importanza del medico d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le lenti intelligenti che vedono la rete venosa sotto la pelle

Per medici e infermieri sarà più semplice inserire aghi e cateteri

Da oggi medici e infermieri hanno uno strumento in più per inserire aghi e cateteri nelle vene senza commettere errori. Si tratta degli Eyes-On Glasses di Evena Medical, azienda della Silicon Valley che collaborando con Epson ha messo a punto degli occhiali “intelligenti” che permettono letteralmente di scrutare attraverso la pelle per visualizzare i vasi sanguigni invisibili ad occhio nudo.
evena-medical-eyes-on-glasses
Il lavoro di Evena si è articolato attorno ad un congegno già esistente, gli “smart glasses” Moverio ideati da Epson per il settore dei videogiochi. L’azienda statunitense ha aggiunto a questo modello due telecamere stereoscopiche funzionanti a lunghezze d’onda nel vicino infrarosso, collegabili via wireless con altri dispositivi. Le immagini 3D catturate con queste telecamere, in cui le vene invisibili ad occhio nudo appaiono come linee nere molto nette, permettono a chi deve individuare un vaso in cui inserire un ago o un catetere di non commettere errori. Non solo, queste stesse immagini possono anche essere salvate direttamente nella cartella elettronica del paziente.

Il nuovo strumento, che può essere utilizzato anche in contesti delicati come quelli in cui operano i medici e gli infermieri delle unità pediatriche o neonatali, permette di limitare un problema più frequente di quanto si potrebbe immaginare. “Le ricerche – ha spiegato Frank Ball, presidente e amministratore delegato di Evena – hanno dimostrato che fino al 40% dell’inizio delle iniezioni intravenose richiede più tentativi per localizzare ed entrare nella vena, fatto che non fa solo perdere tempo prezioso agli infermieri ma ritarda anche la terapia e causa fastidio e insoddisfazione nei pazienti”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!