SLA: promettente il risultato di…

Un nuovo approccio ne…

Come e quando un cervello cambia…

[caption id="attachment_7…

Emofilia B: nuova tecnica di ter…

L'emofilia B puo' essere …

Cellule staminali: scoperta la s…

Un nuovo studio dell'Harv…

Rene artificiale da cellule stam…

Ricercatori scozzesi dell…

Al via la terza edizione del pre…

L’iniziativa premierà cin…

Tumore alla vescica: Italia ad u…

[caption id="attachment_9…

Cervello: trovato un nesso tra m…

Un gruppo di scienziati d…

Gonorrea e clamidia: infezioni l…

Le infezioni genitali con…

Autismo: Pediatri e Regione Tosc…

L'unione fa la forza anc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Quando l’aterosclerosi provoca malattie autoimmuni

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Immunity ha rivelato in che modo l’aterosclerosi, che puo’ portare attacchi di cuore o ictus, puo’ essere legata alle malattie autoimmuni.


Secondo gli scienziati dello University of Texas Health Science Center di Houston, infatti, una molecola che causa aterosclerosi puo’ anche attivare i globuli bianchi, nello specifico le cellule T, che puo’ far peggiorare i sintomi clinici di una malattia auto-immune nei topi.In particolare, i ricercatori hanno scoperto che una molecola chiamata oxLDL, presente in livelli molto elevati nei malati di aterosclerosi, aumenta il numero delle cellule Th17. atherosclerosiI ricercatori, dopo aver esposto i topi a una molecola che causa una malattia autoimmune, hanno scoperto che il trattamento con un agente che inibisce l’attivita’ delle cellule Th17 migliorava i sintomi della malattia. La scoperta rafforza l’ipotesi che una molecola che e’ in grado di causare aterosclerosi puo’ anche attivare le cellule T responsabili dei disordini auto-immuni .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x