Allarme fumo passivo: grossa per…

Piu' della meta' dei bamb…

La mano bionica, la Malattia di …

45° CONGRESSO DELLA SOC…

I telomeri: le nostre clessidre …

I telomeri sono le nostre…

Confermata efficienza classe far…

[caption id="attachme…

Neurologia e cardiologia: si tro…

Gli importanti passi av…

Cancro al colon: la prevenzione …

I risultati dello studio …

Una pillola che ci convincerà ch…

Scoperta americana. Il co…

Dal CRA di Foggia una nuova past…

Una pasta di frumento che…

Neuroprotesi: controllare gli ar…

Le interfacce cervello-ma…

COMUNICAZIONE DIGITALE: ECCO LE…

Consegnati gli AboutPha…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Quando l’aterosclerosi provoca malattie autoimmuni

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Immunity ha rivelato in che modo l’aterosclerosi, che puo’ portare attacchi di cuore o ictus, puo’ essere legata alle malattie autoimmuni.


Secondo gli scienziati dello University of Texas Health Science Center di Houston, infatti, una molecola che causa aterosclerosi puo’ anche attivare i globuli bianchi, nello specifico le cellule T, che puo’ far peggiorare i sintomi clinici di una malattia auto-immune nei topi.In particolare, i ricercatori hanno scoperto che una molecola chiamata oxLDL, presente in livelli molto elevati nei malati di aterosclerosi, aumenta il numero delle cellule Th17. atherosclerosiI ricercatori, dopo aver esposto i topi a una molecola che causa una malattia autoimmune, hanno scoperto che il trattamento con un agente che inibisce l’attivita’ delle cellule Th17 migliorava i sintomi della malattia. La scoperta rafforza l’ipotesi che una molecola che e’ in grado di causare aterosclerosi puo’ anche attivare le cellule T responsabili dei disordini auto-immuni .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi