"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

Ipertensione: cambia l'età, camb…

Gli esperti europei al Co…

Criminali traditi dalle tracce d…

[caption id="attachment_6…

FIMP, FIMMG e SUMAI, esprimono u…

I sindacati della medic…

Epilessia: scoperta nuova moleco…

[caption id="attachment_6…

Cancro al seno: decodificati i g…

[caption id="attachment…

Nevralgie del trigemino al Forla…

[caption id="attachment_1…

Cibo-spazzatura, o junk food, mo…

Lo scontro politico, e id…

Progetto O.R.M.E. (Outcomes Rese…

SIGLATO ACCORDO REGIONE L…

La chiamata alle armi del sistem…

175 milioni di anni di st…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Quando l’aterosclerosi provoca malattie autoimmuni

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Immunity ha rivelato in che modo l’aterosclerosi, che puo’ portare attacchi di cuore o ictus, puo’ essere legata alle malattie autoimmuni.


Secondo gli scienziati dello University of Texas Health Science Center di Houston, infatti, una molecola che causa aterosclerosi puo’ anche attivare i globuli bianchi, nello specifico le cellule T, che puo’ far peggiorare i sintomi clinici di una malattia auto-immune nei topi.In particolare, i ricercatori hanno scoperto che una molecola chiamata oxLDL, presente in livelli molto elevati nei malati di aterosclerosi, aumenta il numero delle cellule Th17. atherosclerosiI ricercatori, dopo aver esposto i topi a una molecola che causa una malattia autoimmune, hanno scoperto che il trattamento con un agente che inibisce l’attivita’ delle cellule Th17 migliorava i sintomi della malattia. La scoperta rafforza l’ipotesi che una molecola che e’ in grado di causare aterosclerosi puo’ anche attivare le cellule T responsabili dei disordini auto-immuni .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x