Sclerosi Multipla e benefici del…

"E' anticostituzionale c…

Attacchi di cuore: un test del s…

[caption id="attachment_7…

Vitamina C: a scopo preventivo c…

Vitamina C contro il raff…

Da Forli' in avanti il tumore al…

[caption id="attachment_5…

Tricologi lanciano allarme perdi…

I film ci propongono sem…

La generosita' dell'amigdala

[caption id="attachme…

Epatite C: i due nuovi farmaci (…

Sono il boceprevir e il t…

La Società Italiana di Neurologi…

Roma, 26 novembre 2014 – …

Diatomee marine: il successo evo…

Nonostante la loro onnipr…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianti: la biopsia al rene donato non è metodo corretto per rilevare affidabilità organo

Le biopsie effettuate per rilevare l’idoneita’ dei reni donati prima di un trapianto non costituiscono un metodo affidabile, secondo due nuovi studi pubblicati sul’ Clinical Journal of the American Society of Nephrology’ (CJASN).


I risultati suggeriscono che sono necessarie altre strategie per valutare quando scartare e quando favorire il trapianto di un rene da un donatore deceduto.    La qualita’ dei reni donati e’ di fondamentale importanza per la longevita’ di un trapianto. I medici spesso utilizzano le biopsie renali per vagliare la validita’ degli organi prima di un intervento. Le ricerche condotte dall’Hennepin County Medical Center e dalla Yale University hanno scoperto che la qualita’ delle biopsie e’ in media bassa e che i risultati spesso sottostimano il danno renale realmente presente nell’organo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi