Diabete. Rischio di fallimento p…

Quale assistenza per il d…

Malattia di Huntington, mancano …

Almeno 5000 malati e 15 m…

USA: malattia rara e letale dei …

[caption id="attachment_8…

Un articolo pubblicato sulla riv…

[caption id="attachme…

HPV: un test del sangue che ne s…

Un semplice test del …

Eco del cervello rivela livelli …

E' possibile misurare…

Sclerosi laterale Amiotrofica: u…

Un danno al Dna potrebbe…

Tecnica 'allena' il sistema immu…

Le cellule del sistema im…

Più giorni liberi da sintomi e m…

L’inattività fisica …

Nuovi biomarcatori per una diagn…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianti: la biopsia al rene donato non è metodo corretto per rilevare affidabilità organo

Le biopsie effettuate per rilevare l’idoneita’ dei reni donati prima di un trapianto non costituiscono un metodo affidabile, secondo due nuovi studi pubblicati sul’ Clinical Journal of the American Society of Nephrology’ (CJASN).


I risultati suggeriscono che sono necessarie altre strategie per valutare quando scartare e quando favorire il trapianto di un rene da un donatore deceduto.    La qualita’ dei reni donati e’ di fondamentale importanza per la longevita’ di un trapianto. I medici spesso utilizzano le biopsie renali per vagliare la validita’ degli organi prima di un intervento. Le ricerche condotte dall’Hennepin County Medical Center e dalla Yale University hanno scoperto che la qualita’ delle biopsie e’ in media bassa e che i risultati spesso sottostimano il danno renale realmente presente nell’organo.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x