I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Campagna AIFA su uso consapevole…

La Società Italiana di Pe…

Ictus in gravidanza: nuovo studi…

Quello che dovrebbe ess…

La trombosi ai tempi della crisi

La morte più probabile pe…

Dalle vespe un rimedio antibatte…

[caption id="attachment_6…

La simmetria genomica del cromos…

[caption id="attachment_2…

Depressione: scienziati indagano…

Ricercatori francesi hann…

Screening salvavita per il contr…

[caption id="attachme…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Tumori: inaspettate benefiche pr…

Il mondo vegetale riserva…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianti: la biopsia al rene donato non è metodo corretto per rilevare affidabilità organo

Le biopsie effettuate per rilevare l’idoneita’ dei reni donati prima di un trapianto non costituiscono un metodo affidabile, secondo due nuovi studi pubblicati sul’ Clinical Journal of the American Society of Nephrology’ (CJASN).


I risultati suggeriscono che sono necessarie altre strategie per valutare quando scartare e quando favorire il trapianto di un rene da un donatore deceduto.    La qualita’ dei reni donati e’ di fondamentale importanza per la longevita’ di un trapianto. I medici spesso utilizzano le biopsie renali per vagliare la validita’ degli organi prima di un intervento. Le ricerche condotte dall’Hennepin County Medical Center e dalla Yale University hanno scoperto che la qualita’ delle biopsie e’ in media bassa e che i risultati spesso sottostimano il danno renale realmente presente nell’organo.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x