Vaccino HPV in Calabria: grazie …

Continua la campagna di O…

Le proprietà terapeutiche dei br…

[caption id="attachme…

Nel rilancio del Paese hanno un …

L’Associazione dei produt…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

I meccanismo fondamentali per la…

[caption id="attachment_7…

Dispositivo di dimensioni nanosc…

Costruito con materiali g…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Più grassi nella dieta, meno zuc…

Una dieta ad alto contenu…

Curcumina: dimostrate proprieta'…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianti: la biopsia al rene donato non è metodo corretto per rilevare affidabilità organo

Le biopsie effettuate per rilevare l’idoneita’ dei reni donati prima di un trapianto non costituiscono un metodo affidabile, secondo due nuovi studi pubblicati sul’ Clinical Journal of the American Society of Nephrology’ (CJASN).


I risultati suggeriscono che sono necessarie altre strategie per valutare quando scartare e quando favorire il trapianto di un rene da un donatore deceduto.    La qualita’ dei reni donati e’ di fondamentale importanza per la longevita’ di un trapianto. I medici spesso utilizzano le biopsie renali per vagliare la validita’ degli organi prima di un intervento. Le ricerche condotte dall’Hennepin County Medical Center e dalla Yale University hanno scoperto che la qualita’ delle biopsie e’ in media bassa e che i risultati spesso sottostimano il danno renale realmente presente nell’organo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi