Laser terapia contro fratture e …

[caption id="attachment_9…

Depressione perinatale: in Campa…

Napoli, 3 luglio 2014 – A…

Il grasso si deposita sul girovi…

Il "viaggio" del grasso v…

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Epilessia: al via il primo conco…

Si può partecipare fino a…

Il processo di riparazione del D…

Ricercatori che studiano …

Nuove evidenze scientifiche di e…

In occasione del Congress…

HPV: test Papillomavirus spesso …

- Il test per il papillom…

Erdosteina ottiene la designazio…

Un significativo riconosc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianti: la biopsia al rene donato non è metodo corretto per rilevare affidabilità organo

Le biopsie effettuate per rilevare l’idoneita’ dei reni donati prima di un trapianto non costituiscono un metodo affidabile, secondo due nuovi studi pubblicati sul’ Clinical Journal of the American Society of Nephrology’ (CJASN).


I risultati suggeriscono che sono necessarie altre strategie per valutare quando scartare e quando favorire il trapianto di un rene da un donatore deceduto.    La qualita’ dei reni donati e’ di fondamentale importanza per la longevita’ di un trapianto. I medici spesso utilizzano le biopsie renali per vagliare la validita’ degli organi prima di un intervento. Le ricerche condotte dall’Hennepin County Medical Center e dalla Yale University hanno scoperto che la qualita’ delle biopsie e’ in media bassa e che i risultati spesso sottostimano il danno renale realmente presente nell’organo.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x