Riforma degli Ordini: occasione …

"Non è pensabile che dopo…

Alzheimer: una risonanza potrebb…

Con una risonanza al cerv…

Riprendere peso ed effetto yoyo:…

Una sola proteina, la ver…

Dolore: cresce del 15% il consum…

Si concludono oggi le pri…

Gambe senza riposo: dagli oppioi…

La “Restless Legs Syndrom…

Acido folico e Vitamina B12 prev…

L’assunzione di acido fol…

Cinque volti della nevralgia si …

Bruciante, formicolante, …

Come il cervello "legge", preved…

Tecniche di risonanza mag…

Addio, Renato Dulbecco, protagon…

Con Renato Dulbecco scomp…

Scompenso cardiaco: l'Universita…

Sono stati scoperti i mec…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al colon: scoperto meccanismo che permette la formazione di metastasi

Scoperto il meccanismo che scatena la formazione delle metastasi nel tumore del colon: si tratta di un ‘interruttore’ nelle staminali del tumore che attiva la migrazione delle cellule maligne in altre parti del corpo.


Lo studio, coordinato da Giorgio Stassi dell’Università di Palermo e Ruggero De Maria dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, è stato pubblicato su Cell Stem Cell e potrebbe avere importanti applicazioni per la cura del tumore del colon.   “Lo studio – ha spiegato De Maria – segue la scoperta, realizzata sempre dal nostro gruppo pochi anni fa, dell’esistenza di cellule staminali del tumore del colon, polmoni e tiroide. Abbiamo ora individuato le staminali che formano le metastasi e i meccanismi che permettono loro di migrare attraverso i vasi sanguigni e linfatici riproducendo così il tumore in un’altra sede”.

Lo studio ha permesso di svelare che l’origine della metastasi è dovuta alla presenza di un recettore cellulare denominato CD44v6; se si disattiva questo recettore si blocca la capacità del tumore di dare origine alle metastasi. “Abbiamo dimostrato che tutte le cellule staminali tumorali del colon-retto – continua De Maria – esprimono sulla loro superficie il recettore CD44v6 che agisce da interruttore per la migrazione cellulare e la formazione delle metastasi”. Grazie a questa scoperta, sarà ora possibile mettere a punto farmaci capaci di ‘spegnere’ il recettore o aggredire le staminali tumorali durante le prime fasi, in cui sono vulnerabili.

I primi trial clinici dovrebbero prendere il via entro il 2015 presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena. La ricerca è stata possibile grazie al supporto dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (Airc), attraverso i finanziamenti del programma ‘5 per mille’, dedicati a sostenere quelle ricerche che possono produrre più rapidamente benefici per i pazienti.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x