Cure palliative: necessarie per …

Oltre 250 i pazienti assi…

Contenzioso medico-legale in cre…

Esperti riuniti a Bentivo…

Ortopedici: fratture rallentano …

Ogni anno si stima che ci…

Il ruolo essenziale degli Archea…

[caption id="attachme…

Il testosterone ci rende più one…

Il testosterone è respons…

Rebif® (interferone beta-1a), il…

·         10 anni ded…

Lesioni cerebrali traumatiche: l…

L’utilizzo di estratti di…

L'allungamento delle ossa: qual'…

La differenziazione nella…

Dormire meno di sei ore a notte,…

Dormire meno di 6 ore aum…

Chewing gum: l'eccessiva mastica…

L'eccessivo consumo di c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al colon: scoperto meccanismo che permette la formazione di metastasi

Scoperto il meccanismo che scatena la formazione delle metastasi nel tumore del colon: si tratta di un ‘interruttore’ nelle staminali del tumore che attiva la migrazione delle cellule maligne in altre parti del corpo.


Lo studio, coordinato da Giorgio Stassi dell’Università di Palermo e Ruggero De Maria dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, è stato pubblicato su Cell Stem Cell e potrebbe avere importanti applicazioni per la cura del tumore del colon.   “Lo studio – ha spiegato De Maria – segue la scoperta, realizzata sempre dal nostro gruppo pochi anni fa, dell’esistenza di cellule staminali del tumore del colon, polmoni e tiroide. Abbiamo ora individuato le staminali che formano le metastasi e i meccanismi che permettono loro di migrare attraverso i vasi sanguigni e linfatici riproducendo così il tumore in un’altra sede”.

Lo studio ha permesso di svelare che l’origine della metastasi è dovuta alla presenza di un recettore cellulare denominato CD44v6; se si disattiva questo recettore si blocca la capacità del tumore di dare origine alle metastasi. “Abbiamo dimostrato che tutte le cellule staminali tumorali del colon-retto – continua De Maria – esprimono sulla loro superficie il recettore CD44v6 che agisce da interruttore per la migrazione cellulare e la formazione delle metastasi”. Grazie a questa scoperta, sarà ora possibile mettere a punto farmaci capaci di ‘spegnere’ il recettore o aggredire le staminali tumorali durante le prime fasi, in cui sono vulnerabili.

I primi trial clinici dovrebbero prendere il via entro il 2015 presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena. La ricerca è stata possibile grazie al supporto dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (Airc), attraverso i finanziamenti del programma ‘5 per mille’, dedicati a sostenere quelle ricerche che possono produrre più rapidamente benefici per i pazienti.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!