Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Zohydro, l’oppioide della discordia

L’immissione sul mercato di un nuovo e potente antidolorifico ha suscitato diverse proteste in Usa, dove medici e gruppi di difesa dei consumatori ricordano che la dipendenza a questi oppioidi ha fatto 125.000 morti per overdose in dieci anni.


Questo farmaco, il Zohydro della casa farmaceutica Zogdnix, e’ stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia americana del farmaco, ad ottobre del 2013. Fatto molto inusuale, il via libera e’ stato dato malgrado che un comitato di esperti indipendenti avesse raccomandato -11 voti contro due- di non approvare questo antidolorifico.oppioidi La FDA in genere considera le raccomandazioni di questo comitato, anche se non vi e’ tenuta. Questa decisione ha mobilitato diversi medici e organizzazioni che lottano contro l’abuso di questi analgesici, facendosi sentire attraverso la colazione “Fed Up” “per mettere fine all’epidemia di oppioidi”. In una lettera indirizzata al direttore generale della FDA, Margaret Hamburg, chiedono che si riveda questa autorizzazione -un’opinione condivisa dai ministri della Giustizia di 29 Stati Usa.
La FDA “ha determinato che lo Zohydro ER rispetta i nostri regolamenti e che, se utilizzato come si deve, i benefici che ne derivano sono superiori ai rischi”.

Questo tipo di antidolorifici sono usati per terapie nei giorni successivi a interventi chirurgici o per malattie nell’ambito del fine vita, come per esempio un cancro.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!