Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome di Sjogren aumenta rischi di ictus e infarti

Un nuovo studio presentato durante lo European League Against Rheumatism Annual Congress (EULAR 2014) ha mostrato un rischio significativamente aumentato di attacco cardiaco e ictus in pazienti con la sindrome di Sjogren, in particolare entro un anno dalla diagnosi della malattia.

Si tratta di una malattia infiammatoria auto-immune in cui il sistema immunitario dell’organismo attacca le ghiandole che secernono fluidi come le lacrime e la saliva.sjogrenL’infiammazione causa bruciori dolorosi negli occhi, bocca secca e a volte secchezza anche nei passaggi nasali, in gola, vagina e pelle. Gli scienziati della University of British Columbia hanno esaminato 1.176 nuovi casi di sindrome di Sjogren mostrando che il tasso di incidenza degli attacchi cardiaci era oltre il doppio di quello del gruppo di controllo.

Inoltre, il tasso di ictus era superiore di circa una volta e mezzo. Questi risultati supportano l’idea che l’infiammazione gioca un ruolo cruciale nelle malattie cardiovascolari.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!