Studi sulla relazione tra obesit…

[caption id="attachme…

RNA: scoperta la classe che rego…

Un gruppo di ricercatori …

Interpretare e guarire il dolore…

Cester, Responsabile scie…

Sindrome di Myhre: individuate l…

Poche, specifiche e ricor…

Il più piccolo sistema di monito…

Disponibile in Italia il …

Batteri modificati contro le inf…

Una versione modificata d…

Paralisi cerebrali infantili: le…

Azienda Ospedaliera Isti…

Legame 'chimico' tra padre e fig…

[caption id="attachme…

Cuore infartuato si ripara con i…

Piccole molecole di RNA (…

Vasectomia, potrebbe aumentare r…

Gli uomini che hanno fatt…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artrite Giovanile: novità

Convinzione comune e’ che l’artrite colpisce solo le persone anziane. Non e’ cosi’. L’artrite giovanile e’ una delle malattie piu’ comuni che colpiscono i bambini.

I sintomi piu’ comuni sono il dolore, l’infiammazione (gonfiore) e la rigidita’ delle articolazioni. Un segnale precoce puo’ essere la difficolta’ alla deambulazione nelle prime ore del mattino. artrite_reumatoideAnche se nessuno sa esattamente la causa dell’artrite giovanile, gli scienziati sanno che e’ una malattia autoimmune.

Il sistema immunitario, che normalmente aiuta il corpo a combattere le infezioni, attacca il tessuto del corpo. In passato, la prima linea di trattamento per i bambini con artrite giovanile e’ stata quello di alleviare il dolore e l’infiammazione con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’aspirina e l’ibuprofene.

I bambini con grave artrite giovanile sono stati trattati anche con farmaci che sopprimono la risposta immunitaria del corpo, come i corticosteroidi e metotressato. Ora, pero’, sono disponibili nuovi farmaci chiamati farmaci biologici, prodotti o estratti da fonti biologiche, con minori effetti collaterali sui bambini, visto che l’uso dei tradizionali farmaci aveva controindicazioni, considerato anche il lungo periodo di tempo durante il quale venivano somministrati. L’attenzione dei genitori ai primi sintomi, il consulto con il medico e il ricorso ai nuovi farmaci e’ la cura piu’ efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi