Smentita la "bufala" del batteri…

Anche Halomonas GFAJ-1, i…

Ecco i più potenti fattori predi…

La malattia renale cronic…

Ictus: moto, anche moderato, ne …

L'attivita' fisica ab…

Fumo passivo più pericoloso dell…

L’inquinamento da fumo di…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Morbo di Hansen (lebbra): il 'po…

Difficile da 'riprodurre'…

Micro-intervento per ridurre al …

[caption id="attachment_8…

Neo benigno o no, un test dall'U…

Valuta l'espressione di u…

Una nuova regione, bersaglio con…

La paura e l’ansia, lo sa…

Vaccino anti-linfoma: parte in I…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ovaio policistico: letrozolo aiuta le donne con questa patologia

Il farmaco letrozolo rappresenta un efficace trattamento contro l’infertilita’ nelle donne affette da sindrome dell’ovaio policistico (Pcos).


E’ quanto emerso da uno studio del Penn State College of Medicine (Usa) pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine. La Pcos colpisce dal 5 al 10 per cento delle donne in eta’ fertile ed e’ la causa piu’ comune di infertilita’ femminile. Le donne con questa sindrome hanno livelli eccessivi di ormoni androgeni, hanno un ciclo mestruale poco regolare e sviluppano piccole cisti sulle ovaie che causano problemi nel concepimento di un figlio. Da decenni il clomifene citrato, un farmaco che stimola l’ovulazione, e’ il trattamento standard.   “Il clomifene ha i suoi inconvenienti”, ha detto Richard Legro, autore dello studio. “Esso infatti ha solo il 22 per cento di successo fino a 6 cicli di trattamento per la realizzazione di una nascita, ha un alto tasso di gravidanze multiple in confronto al concepimento senza assistenza, e ha effetti collaterali come vampate di calore e cambiamenti di umore”, ha aggiunto.

Il letrozolo e’ invece un farmaco che blocca la produzione di estrogeni. Per confrontare i due farmaci, i ricercatori hanno coinvolto nello studio 750 donne, di eta’ compresa fra i 18 e i 40 anni, con Pcos e con problemi di infertilita’, che volevano concepire un figlio.

Le donne sono state divise casualmente in due gruppi: il primo ha assunto il clomifene e il secondo il letrozolo. I farmaci sono stati assunti per un massimo di cinque cicli, con un aumento del dosaggio a ogni ciclo. Dai risultati e’ emerso che il tasso di nati vivi da donne che hanno assunto il letrozolo e’ stato piu’ alto, cioe’ del 27,5 per cento, rispetto al 19,1 per cento delle donne che hanno assunto il clomifene. Inoltre i tassi di ovulazione erano significativamente piu’ alti con il letrozolo che con il clomifene ad ogni visita mensile, e gli effetti collaterali sono risultati poco frequenti.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi