Linagliptin approvato dalla FDA …

Primo inibitore del DPP-4…

Mylan supporta il progetto dell'…

Milano, 18 Dicembre 2012 …

Tumori: statine possono rallenta…

Le statine, noti farmaci …

I suoni si fissano al cervello e…

[caption id="attachment_7…

Leucemia: verso un possibile vac…

Il sistema immunitario de…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Dipendenza da Facebook? A.I.D.A:…

Cresce la sindrome del ‘M…

Dolore cronico: al via il proget…

Il farmacista come riferi…

Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Studio pilota con brentuximab ve…

– Sopravvivenza glo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Statine: secondo gli esperti fanno registrare più benefici che problemi

Ci sono prove schiaccianti le quali dimostrano che i benefici delle statine superano di gran lunga i rischi di effetti collaterali.


A ribadirlo sono sei professori provenienti da universita’ britanniche, come riporta un articolo pubblicato sul quotidiano ‘Daily Mail’. Molti medici e pazienti sono preoccupati per l’eccesso di prescrizione del farmaco – le statine sono quelle piu’ prescritte nel Regno Unito – collegato da alcuni disturbi come dolore muscolare e diabete.  Ma il gruppo di 6 docenti, tra cui cardiologi ed epidemiologi, hanno respinto i timori di eventuali effetti collaterali. “I trial hanno dimostrato in modo inequivocabile che le statine riducono la mortalita’ per malattia coronarica e che ci sono livelli molto bassi di rischio per gravi effetti collaterali”, ha detto George Davey Smith, epidemiologo dell’Universita’ di Bristol. L’esperto e’ convinto che molti “tendono a incolpare il farmaco per qualsiasi problema alla salute”.

L’intervento dei sei docenti e’ arrivato una quindicina di giorni prima che il National Institute for Health and Care Excellence pubblichi le nuove linee guida che consentiranno di aumentare radicalmente l’uso del farmaco. Il farmaco attualmente e’ disponibile solo per chi ha il 20 per cento di rischio di subire un infarto o un ictus.

Lo assumono circa 7 milioni di cittadini britannici. Le nuove linee guida, invece, consigliano ai medici di prescrivere le statine anche a chi ha un rischio del 10 per cento, cioe’ a un totale di 10 milioni di britannici.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi