Labbra perfette con laser e lipo…

Un 'mix' tecnologico in g…

Fratture ossee: nuova terapia di…

Ricercatori finanziati da…

Ipertensione: già in età pediatr…

Un test delle urine del b…

Ingegneria dei tessuti: vene bio…

Scienziati americani hann…

Biotecnologie ed Innovazione in …

Incontro a Milano tra esp…

Resistenza agli antibiotici: una…

In ogni tipo di ambiente …

Cancro dello stomaco: un'aspirin…

Assumere aspirina ogni gi…

Aumentano i casi di TBC farmacor…

Trovato un allarmante num…

Creati neuroni OGM che si illumi…

Londra - Creati neuroni g…

Tre geni predispongono al suicid…

[caption id="attachment_…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il fumo riduce l’appetito: agisce sull’ormone che ne regola l’intensità

FUMARE riduce l’apporto calorico, mediamente di 152 calorie ‘a pasto’, incidendo sull’ormone dell’appetito. Almeno è quanto sostiene un piccolo studio presentato al congresso internazionale della European Respiratory Society (ERS) e condotto da Konstantina Zachari della università Harokopio di Atene.smoking_brain

E’ noto che chi abbandona le sigarette spesso mette qualche chilo in più, ma non è sempre così. A volte è anche un alibi per i tanti che vorrebbero abbandonare ‘le bionde’, ma non lo fanno.

Gli autori dello studio greco – che ha coinvolto 14 fumatori – hanno riscontrato un effetto immediato della sigaretta sull’introito calorico, con una riduzione di 152 calorie ingerite mangiando ad libitum a un buffet ricco di leccornie dolci e salate. Non è solamente una leggenda popolare, il fumo sembra aiutare a controllare il peso corporeo, tanto è vero che spesso è proprio l’apprensione di ingrassare che demotiva i fumatori a smettere, specie le donne che magari hanno iniziato a fumare da adolescenti.


Si stima che smettere di fumare si associ a un aumento di peso medio di 10 chili in 5 anni.

Ma ad oggi sono pochi gli studi che hanno tentato di capire quale sia il nesso metabolico e/o psicologico tra fumo e controllo del peso. Per cominciare a chiarire i meccanismi sottostanti i ricercatori hanno eseguito un doppio esperimento: in una prima fase i partecipanti dovevano astenersi dal fumare per un giorno, nel secondo potevano fumare. In entrambi i casi i partecipanti sono stati invitati a mangiare a piacimento a un buffet.

Ebbene il

loro introito calorico risultava mediamente ridotto di 152 calorie quando i volontari avevano fumato prima di presentarsi al buffet. Con prelievi di sangue i ricercatori hanno constatato che alla sigaretta corrisponde una riduzione della concentrazione dell’ormone dell’appetito, la grelina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi