Vita attiva: assicura protezione…

Uno stile di vita attivo …

TONADO™ - ulteriori benefici in …

·         Prima present…

HIV: dal tabacco, una possibile …

Ll tabacco potrebbe esser…

Tumori: una tecnica studia l'int…

Un gruppo di ricercatori …

Allarme Bullismo: ne è vittima 1…

Il Ministero dell’Istruzi…

Studio sulle cellule che formano…

[caption id="attachme…

Nobel per la medicina 2017 ai ri…

Il Nobel per la medicina …

La retina potrebbe denunciare di…

[caption id="attachment_1…

Diabete: cellule programmate per…

[caption id="attachment_1…

Placche aterosclerotiche che svi…

In poco tempo lo sviluppo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Telaprevir – inibitore della proteasi per il trattamento dell’Epatite C

Flavivirus HCV

Flavivirus HCV

Telaprevir ( VX-950 ) è un inibitore della proteasi. Questo farmaco sperimentale potrebbe trovare indicazione nel trattamento dell’infezione da virus dell’epatite C ( HCV ). La proteasi di HCV è un enzima essenziale per la replicazione virale e per evadere il sistema immunitario dell’ospite.

Nel maggio 2006, la società produttrice di Telaprevir, Vertex, ha dato avvio ad uno studio clinico di fase IIb, PROVE 1, condotto negli Stati Uniti. In Europa ha preso avvio PROVE 2.
I due studi clinici hanno arruolato 580 pazienti naive al trattamento.

Vertex ha anche iniziato nel febbraio 2007 PROVE 3, uno studio di fase IIb disegnato per arruolare 440 pazienti infettati con il virus HCV genotipo 1, che non hanno raggiunto una risposta virale sostenuta con un precedente trattamento comprendente l’Interferone.

Nel dicembre 2006, Vertex ha annunciato i risultati di un’analisi ad interim di sicurezza dello studio PROVE 1, che ha mostrato:

– nei bracci Telaprevir, l’incidenza di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stata del 9% e l’incidenza di gravi eventi avversi è stata del 3%;

– alla 12a settimana, l’88% ( 65/74 ) dei pazienti, per i quali i dati erano disponibili, nei gruppi Telaprevir ha presentato RNA di HCV non rilevabile ( meno di 10 UI/ml ).


Nell’ottobre del 2006 erano stati presentati nel corso del 57th Annual Meeting dell’American Association for the Study of Liver Disease ( AASLD ), diversi studi clinici. Tra questi, uno studio a 28 giorni ha valutato il trattamento combinato Telaprevir, Interferone alfa-2a ( Pegasys ) pegilato e Ribavirina.
I livelli plasmatici di RNA di HCV sono risultati non rintracciabili in tutti e 12 i pazienti con infezione da virus HCV genotipo 1. Non è stato osservato nessun grave evento avverso.
Sono stati riscontrati effetti indesiderati tipici del trattamento con Interferone e Ribavirina.
Un altro studio, fase Ib della durata di 14 giorni, ha mostrato che la combinazione di Telaprevir con Peg-Interferone è stata in grado di sopprimere sia il wirus wild-type che le varianti di resistenza. ( Xagena2007 )

Fonte: Vertex, 2007

Aggiornamento sul trial alla fase III

Lo studio ADVANCE
Lo studio ADVANCE, verrà condotto in oltre 100 centri differenti negli Stati Uniti, Unione Europea e alcuni altri Paesi. L’arruolamento dei pazienti è già iniziato negli Stati Uniti, mentre negli altri Paesi, l’arruolamento inizierà quando verranno approvati gli Applicativi per il Trial Clinico dai singoli Paesi. I bracci dello studio includeranno:

• 24 settimane di terapia, con un dosaggio di Telaprevir di 750 mg ogni otto ore per 12 settimane, in combinazione con il dosaggio standard di interferone pegilato alfa-2a e ribavirina per 12 settimane, continuando dopo per altre 12 settimane con il solo interferone pegilato e ribavirina.

• 24 settimane di terapia, con un dosaggio di Telaprevir di 750 mg ogni 8 ore per 8 settimane, in combinazione con il dosaggio standard di interferone pegilato alfa-2a e ribavirina per 8 settimane, continuando dopo per altre 16 settimane con il solo interferone pegilato e ribavirina.

• Un braccio di controllo, con il dosaggio standard di interferone pegilato e ribavirina somministrati per 48 settimane.

I pazienti in entrambi i bracci con Telaprevir, che raggiungeranno una Risposta Virologica Rapida, definita in questo studio come livelli dell’HCV RNA non rilevabili (meno di 10 IU/ml) alla termine di quattro settimane, e che resteranno con una viremia non rilevabile dopo dodici settimane, riceveranno 24 settimane di trattamento. I pazienti in questi bracci di trattamento che non andranno incontro a questi criteri di Risposta Virologica Rapida ma che avranno una viremia non rilevabile dopo 24 settimane, continueranno il trattamento col solo interferone pegilato e ribavirina per una durata totale di 48 settimane.

Sul Telaprevir
Il Telaprevir (VX-950) è un inibitore della proteasi anti HCV a somministrazione orale, un enzima essenziale per la replicazione virale, e uno dei farmaci sperimentali antivirali in fase più avanzata di studio che specificatamente combatte l’HCV. Il tipo degli eventi avversi che sono stati comunemente osservati con interferone pegilato e ribavirina, sono stati osservati attraverso tutti i bracci di trattamento del trial di fase IIb con Telaprevir. Gli eventi avversi più comuni osservati, senza tenere conto del trattamento assegnato, sono stati astenia, rash cutaneo, emicrania e nausea, dove il rash cutaneo è stata la ragione più comune di interruzione del trattamento. Disordini gastrointestinali, eventi avversi cutanei (rash, prurito), e anemia sono stati più comuni nel braccio con Telaprevir, rispetto al braccio di controllo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!