Le effettive capacità terapeutic…

Ormai da diversi anni ric…

Feto: lo scambio "reciproco" di …

La tesi è il risultato di…

Vaccino: flop dovuto a 10 mutazi…

(ANSA)Il virus dell'influ…

Sindrome di Joubert: uno studio …

[caption id="attachment_6…

Le aziende del farmaco equivalen…

Roma, 27 aprile 2015 - As…

Malaria: nuovi risultati verso u…

Nuovi positivi risultati …

Dal 30 aprile al 3 maggio Napoli…

Il capoluogo campano ospi…

Giornata Mondiale Sclerosi Multi…

Roma, 24 maggio 2016 – In…

Sonno: esperti consigliano di ca…

Il cuscino andrebbe cambi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il microRNA (miR-122) coinvolto nelle funzioni epatiche e nella replicazione del virus C

miRNA

miRNA

Coinvolto nell’armonizzazione dei processi metabolici dei lipidi, la sua azione influenza anche i cicli di replicazione del virus dell’epatite C

La maggior parte delle cellule possiede un orologio inteno, un gruppo di geni che manifesta schemi di espressione ciclici che raggiungono il picco una volta al giorno. Molti di questi geni sono espressi in organi come il fegato, la cui attività è importante che sia attentamente regolata nel corso della giornata. Un gruppo di ricercatori del National Centre of Competence in Research Frontiers in Genetics presso l’Università di Ginevra, in Svizzera, ha ora scoperto che un ruolo determinante per questi “oscillatori” molecolari è svolto da uno specifico microRNA, una classe di molecole che sono capaci di inibire la sintesi di particolari proteine, permettendo alla cellula di ridurre l’attività di particolari geni.

Finora ben poco si sapeva sull’influsso dei microRNA sui ritmi circadiani e l’articolo pubblicato sulla rivista Genes & Development dal gruppo di ricerca diretto da Ueli Schibler inizia a colmare questa lacuna.

Molti dei geni coinvolti nel metabolismo dei grassi sono influenzati dall’assunzione periodica di cibo e la loro attività deve essere attentamente regolata e sincronizzata per assicurare l’armonico procedere dei numerosi processi metabolici coinvolti.


“Abbiamo individuato il ruolo di un microRNA chiamato miR-122, che è particolarmente abbondante nel fegato e che influisce sulla regolazione del metabolismo del colesterolo e degli altri lipidi e che può favorisce la replicazione del virus dell’epatite C”, ha detto David Gatfield, che partecipato alla ricerca.

I biologi hanno in particolare scoperto che miR-122 è fortemente coinvolto nel sistema dell’orologio circadiano degli epatociti. Questo microRNA modula numerosi geni, andando a colpire l’ampiezza e la durata della loro espressione. Peraltro, la sintesi di miR-122 coinvolge un fattore di trascrizione noto per intervenire a sua volta sui ritmi  circadiani.

“Sarebbe poi interessante studiare se la connessione fra ritmi circadiani e miR-122 si estende anche al ruolo di questo microRNA nella replicazione del virus dell’epatite C”, ha osservato David Gatfield. Sapere se la moltiplicazione virale è collegata a specifici periodi della giornata contribuirebbe a una migliore comprensione del ciclo di vita di questo pericoloso patogeno.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!