Neuroblastoma: un gene alterato …

L'alterazione di un gene,…

pazienti e cittadini ad impact 2…

In Europa 500 milioni di …

Distacco retina: non sottovaluta…

Se vedete sovente delle m…

Ossitocina e comportamento sessu…

Le femmine di topo mostra…

Lavoro notturno: e nel corpo si …

Il lavoro notturno getta …

Malattia cardiaca ricreata "in p…

Le cellule della pelle di…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Studio finanziato dall'UE dimost…

[caption id="attachment_1…

Medicina preventiva sulla base d…

[caption id="attachment_7…

Scoperti i geni che determinano …

Combinando assieme tecnic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia, scoperta cura genica nei topi

Roma, 4 ago. (Apcom) – Nuove speranze nella lotta contro l’epilessia, dopo che i ricercatori sono riusciti a prevenire la trasmissione genetica della malattia da una generazione all’altra: al momento tuttavia la terapia genica funziona solo nei topi di laboratorio, e resta da vedere se il metodo sarà efficace anche sugli esseri umani. Come riporta il quotidiano britannico The Independent, i ricercatori dell’Università di Leeds hanno scoperto che il gene responsabile della trasmissione della malattia nei topi è l’Atp(12A)3, che regola i livelli di sodio e potassio nelle cellule cerebrali.



Una generazione allevata in modo da presentare anche una versione normale del gene non ha trasmesso il disturbo a quella successiva, dimostrando che il gene sano è in grado di annullare gli effetti dell’allele difettoso. La versione umana del gene presenta una struttura molto simile a quella del topo, e sono iniziati gli studi del Dna di alcuni pazienti per appurare se siano presenti dei difetti: sebbene l’epilessia possa avere cause diverse – per esempio, una lesione cerebrale – si pensa che la mancata regolazione del livello di sodio e potassio abbia un ruolo fondamentale nella maggior parte dei casi della malattia.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi