Espressioni facciali: se si ridu…

I pazienti con gravi pato…

Cocaina: nuove armi contro la di…

Ricercatori americani han…

Trombosi: a breve una nuova cura

E' definito Tromboembolis…

Lesione al midollo: riparata su …

[caption id="attachment_1…

Malattie parassitarie tropicali:…

Ricercatori europei hanno…

Nuovo Test per l'HIV che si cons…

Potrebbe essere una soluz…

Medicina rigenerativa: il sogno …

[caption id="attachment_6…

Malformazione globuli rossi: si …

L'analisi può essere effe…

Ricerca evidenzia il meccanismo …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il fattore OCT4 per ottenere staminali pluripotenti da cellule neurali fetali

l'Oct4 in fluorescenza verde

l'Oct4 in fluorescenza verde

Per ringiovanire le cellule umane, trasformandole in simil-staminali embrionali capaci di trasformarsi in ogni altro tassello del puzzle che compone il nostro organismo, non serve per forza un cocktail complesso e articolato. Basta un solo elemento chiave, infatti, per indurre pluripotenza in cellule staminali neurali fetali, rispetto ai quattro fattori di trascrizione normalmente usati dagli scienziati per ottenere lo stesso risultato. Lo studio, pubblicato online su ‘Nature’, suggerisce che in futuro campioni umani potranno essere utilizzati per creare cellule staminali specifiche per ciascun paziente.

Il team di Hans Schoeler del Max Planck Institute di Muenster (Germania) aveva gia’ ottenuto questo risultato sui topi, ma fino ad ora la riprogrammazione di tessuti umani con un solo fattore era rimasta un miraggio. Grazie a questo studio, invece, e utilizzando esclusivamente il fattore l’Oct4, i ricercatori tedeschi sono riusciti a creare cellule ‘bambine’ umane che somigliano alle staminali embrionali nel profilo di espressione genica.

E’ difficile ottenere tessuto cerebrale, ma la capacita’ di creare staminali usando solo un fattore di trascrizione puo’ avere numerose applicazioni cliniche, anche perche’ – concludono i ricercatori – questo procedimento semplifica e rende piu’ sicura la procedura.

Aduc Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!